La sessualità delle 50enni del III millennio

La sessualità delle 50enni

La sessualità delle 50enni del III millennio

 A maggio del 2018 il CENSIS ha presentato il libro bianco sulla menopausa e come per ogni altra indagine del Centro Studi Investimenti Sociali ne sono emersi dati interessanti. Dati che mettono in evidenza un grande cambiamento in corso. E il titolo della ricerca è già un forte indizio: “Ricominciare dai 50”.

Ma partiamo dall’inizio:

“Se nel passato la fine della fertilità coincideva spesso con il declino psico-fisico e della vita di relazione della donna, oggi, all’età nella quale ha luogo l’inizio della perimenopausa (tra i 45 e 55 anni di età) l’aspettativa di vita è ancora lunga e le donne sono fortemente attive e spesso impegnate anche sul fronte lavorativo per molti anni a seguire.”

Così inizia il documento di sintesi del rapporto, con una presa di coscienza, che ci dice a che punto sono le donne in questo inizio di Millennio.

Una maggiore sensibilità in termini di prevenzione secondaria

Ma prima di parlare di intimità e sessualità, è necessario parlare della prevenzione, anche di quella secondaria. L’indagine infatti indagava anche su questi importanti aspetti.

Parliamo allora della visita ginecologica. Quante donne hanno questa abitudine? I risultati ci dicono che si tratta della quasi totalità delle donne: la visita ginecologica la fa il 96,2% delle donne (non superano il 3,8% le donne che non hanno mai fatto la visita ginecologica), con diverse frequenze:

  • il 43,4% la effettua almeno una volta l’anno
  • il 29,1% circa una volta ogni due anni
  • il 23,7% meno di una volta ogni due anni.

 

Se vogliamo evidenziare un problema, forse è che in questa circostanza non tutte, una volta dal ginecologo, parlano della qualità della loro vita sessuale. E, va anche detto, non tutti i medici toccano per primi l’argomento, e questo nonostante tra i sintomi che mettono a rischio la vita sessuale (per qualità e quantità), siano presenti tanto la secchezza vaginale quanto il calo della libido, come dimostra la tabella qui di seguito estratta dall’indagine CENSIS:

Che fare allora per la salute sessuale?

“La moderna medicina riconosce l’importanza della libido come uno degli indicatori chiave di salubrità generale e di qualità di vita”.

È l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che lo ha dichiarato. Che fare allora per preservarla anche a 50 anni e oltre?

Val la pena segnalare a questo proposito un’indagine sperimentale osservativa (Effects of nutraceuticals on quality of life and sexual function of perimenopausal women, che ha evidenziato i risultati positivi raggiunti dai nutraceutici a servizio del piacere sessuale della donna in menopausa. L’indagine ha evidenziato un miglioramento dal punto di vista della qualità della vita sessuale. I risultati in questione si sono verificati dopo l’uso di uno specifico nutraceutico, Zemiar, per la sintomatologia dalla perimenopausa alla postmenopausa.

L’importanza degli integratori a base di equolo, come Zemiar, è stata dimostrata anche di recente (aprile 2018) con un nuovo studio scientifico dal titolo “Vaginal health of postmenopausal women on nutraceutical containing equol” (Salute vaginale delle donne in postmenopausa con un nutraceutico contenente equolo). I risultati hanno evidenziato un miglioramento della secchezza vaginale dopo 12 settimane di integrazione con Zemiar.

Va ricordato che questo tipo di integratori si possono rivelare la miglior scelta anche per quelle donne che non vogliono usare la terapia ormonale sostitutiva (TOS) o non possono usarla per ragioni mediche.

Cos’altro c’è in Zemiar?

Zemiar contiene soia fermentata contenente Equolo;Resveratrolo, con una forte attività antiossidante, antiaging, cardiprotettiva e anti-infiammatoria; Quercetina, preziosa per la sua azione protettiva della funzionalità cardiovascolare e che consente di ridurre sinergicamente con Resveratrolo la tendenza all’aumento di peso, di cui la maggior parte delle donne si lamentano quanto inizia la perimenopausa.

Zemiar contiene, inoltre, Passiflora, sostanza naturale che esplica proprietà ansiolitiche e sedative e la cui attività principale è di modulare i disturbi dell’umore e l’ansia, intervenendo sugli sbalzi emotivi, sull’insonnia e sulla libido con una riduzione dei disturbi fino all’80%.

Zemiar infine svolge anche un’attività specifica sul metabolismo osseo e sulla funzionalità muscolare perché contiene Magnesio e Calcio, ed anche  Vitamina K e   Vitamina D.

La supplementazione con la compressa di Zemiar va fatta la sera, prima di coricarsi, per almeno 3 mesi consecutivi.

Fonti: Ricominciare dai 50 – Sintesi della ricerca CENSIS

 

Cristina Perrotti

 

 

Take Home Message
La sessualità delle 50enni del III millennio – Il vissuto legato alla menopausa cambia con il cambiare del Millennio. Oggi la donna a 50 rinasce. A dircelo anche una recente indagine del CENSIS. Ma come affrontare e superare al meglio la sintomatologia perimenopausale? Compresi quei sintomi, come l’atrofia vaginale e il calo della libido, capaci di compromettere la qualità della vita sessuale della coppia?

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2018

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here