Le vampate ci dicono molto della nostra menopausa

Le vampate ci dicono molto della nostra menopausa

Le vampate, di cui soffrono molte donne durante il climaterio, possono essere considerate come dei piccoli campanelli di allarme sullo stato di salute del sistema circolatorio. Per questa ragione oltre a curare la sintomatologia, va prestata attenzione alla prevenzione, anche con controlli periodici

In Italia le donne in menopausa sono circa 16.700.000 le donne di età compresa tra 45 e 55 anni, e quindi in perimenopausa o in menopausa da qualche anno. Tra queste ci sono donne che soffrono maggiormente di sintomi vasomotori. Leggi “vampate”!

Ma che cosa sono le vampate?

Consistono in un’improvvisa sensazione di calore intenso, tipicamente localizzato al volto e al collo, seguita da profusa sudorazione, spesso accompagnata anche da tachicardia.

Possono manifestarsi spontaneamente o essere provocate da vari fattori, come lo stress, la temperatura ambientale elevata, i cibi piccanti, le bevande alcoliche. In alcuni casi posso arrivare ad essere talmente intense che arrivano ad interferire anche con il sonno e con il tono dell’umore.

Le vampate ci dicono molto della nostra menopausa – Indicatore importante sullo stato di salute

Oltre a questo però, ci teniamo a sottolineare che le vampate non andrebbero mai sottovalutate. Non solo perché rischiano di peggiorare la qualità della vita. Ma anche perché sono un marcatore clinico di suscettibilità alla carenza estrogenica e quindi un prezioso indicatore dello stato di salute della donna. Ci dicono molto anche del rischio di malattie cardiovascolari.

Le vampate ci dicono molto della nostra menopausa – Se lo scudo non c’è più…

Infatti le donne fino all’ingresso in menopausa, hanno n vero e proprio scudo sul cuore, lo “scudo estrogenico”. Ma una volta finita l’età fertile, si trovano esposte, a distanza di alcuni anni dall’inizio della menopausa, a un rischio molto elevato. Basti dire che le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte nel sesso femminile.

Attenzione! Nelle donne l’infarto si manifesta più frequentemente con sintomi cosiddetti “atipici” (e questo solo perché differenti da quelli dell’uomo) e più sfumati rispetto all’uomo: difficoltà a respirare, dolore a schiena/mandibola/stomaco, nausea….

Prevenzione e salute del cuore

  • Prevenzione con la visita cardiologica

Una visita cardiologica completa, intorno ai 50 anni, svolta con regolarità, e in ogni caso secondo il parere del medico, è una buona abitudine, da inserire nella lista del checkup (https://www.vediamocichiara.it/check-up-50-60-anni/), che ogni donna dovrebbe seguire.

La visita viene accompagnata dall’elettrocardiogramma (ECG) che registra l’attività elettrica del cuore e può essere associato ad un test da sforzo e l’ecocardiogramma, un esame non invasivo, che permette anche di valutare il flusso di sangue all’interno del cuore (Ecocolor-Doppler).

  • Prevenzione con l’attività fisica

Se praticata con regolarità, ha un’azione positiva sul benessere generale: contrasta i sintomi della menopausa, migliora il riposo notturno, ha effetto benefico sull’umore, riduce il rischio cardiovascolare, osteoporotico e neurodegenerativo.

Come praticarla? Camminare a passo veloce consente di svolgere attività fisica moderata, ad esempio facendo 30 minuti per almeno 5 giorni alla settimana.

  • Prevenzione con l’alimentazione

Si raccomanda di seguire una dieta ricca di verdura, frutta, legumi, cereali, pesce e carni magre e di limitare le porzioni. La tendenza all’incremento del peso corporeo in menopausa è dovuta al rallentamento del metabolismo basale: essendo consumate meno energie, è necessario ridurre le calorie giornaliere. Tipico è l’accumulo di grasso a livello dell’addome che, al di là delle problematiche estetiche, rappresenta un campanello di allarme importante.

Fonte:

 

Cristina Perrotti

 

Take Home Message
Le vampate, di cui soffrono molte donne durante il climaterio, possono essere considerate come dei piccoli campanelli di allarme sullo stato di salute del sistema circolatorio. Per questa ragione oltre a curare la sintomatologia, va prestata attenzione alla prevenzione, con controlli periodici

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 15 gennaio 2020

Voto medio utenti

2 COMMENTI

  1. invece di odiarle queste maledette vampate, dovremmo allora imparare ad ascoltarle!!!!!
    inizio anno ho un consulto medico con il mio cardiologo, sentiamo anche che dice lui.
    Grazie per i vostri articoli, vi seguo dall’inizio, anche su Youtube!
    A quando il prossimo evento? ; )

    • Hei Dolly! Ciao! : )

      Grazie per la fiducia. Brava ad andare dal medico, è il passaggio successivo e concreto per fare prevenzione.

      Per quanto riguarda il nostro prossimo evento ne abbiamo in programma uno a Napoli.
      Rimani in contatto con noi (se non sei già iscritta anche con la newsletter) per essere aggiornata sempre.

      Ne approfittiamo per farti i nostri migliori auguri: che sia un 2020 generoso e buono!

      A presto!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here