Cos’è l’endometriosi e quali sono le sue fasi?

È una patologia spesso sottovalutata e difficile da diagnosticare. Scopri cos’è l’endometriosi, i sintomi, le fasi e le terapie disponibili.

L’endometriosi è una patologia che vede l’impianto di cellule dell’endometrio (il tessuto che riveste le pareti interne dell’utero) al di fuori di questo. In Italia ne soffrono circa tre milioni di donne, che 30-40% scoprono di averla durante un controllo per altri disturbi. È importante sapere che, se non diagnosticata e curata in tempo, questa patologia può portare all’infertilità.

Quali sono i sintomi?

Il primo sintomo a cui prestare attenzione è il dolore pelvico acuto durante il periodo premestruale, mestruale e nel periodo dell’ovulazione. È un dolore che rende invalidante la vita quotidiana nei giorni del ciclo. Altri sintomi frequenti sono il dolore pelvico durante i rapporti sessuali e la stanchezza cronica. In una bassa percentuale dei casi l’endometriosi può essere asintomatica.

L’endometriosi ha delle fasi.

L’American Society for Reproductive Medicine (ASRM) propone una suddivisione della malattia in quattro fasi distinte:

  • fase 1: l’estensione del danno è minimo, si segnala la presenza di alcune macchie di tessuto endometriale a livello superficiale, al di fuori dall’utero;
  • fase 2: le lesioni sono leggermente più profonde e numerose;
  • fase 3: alle lesioni si aggiungono piccoli endometriomi (cisti ovariche causate dall’endometriosi) e tessuto cicatriziale;
  • fase 4: le lesioni sono molto profonde, presentano cicatrici significative e cisti su una o entrambe le ovaie.

Quali sono le terapie per l’endometriosi?

La terapia dell’endometriosi si avvale di varie strategie che vanno dalla semplice osservazione in caso di pazienti asintomatiche, alle terapie mediche e alle terapie chirurgiche.

Nella maggior parte dei casi si inizia con terapie mediche, somministrando estroprogestinici per controllare il dolore legato al ciclo mestruale.

In presenza di cisti e aderenze di tessuto bisogna intervenire chirurgicamente, con una laparoscopia. Il ricorso alla chirurgia, comunque, deve essere valutato sempre molto attentamente e l’operazione deve essere eseguita sempre da chirurghi esperti.

L’endometriosi si combatte anche attraverso l’alimentazione.

La Fondazione Italiana Endometriosi ha proposto un regime alimentare che potrebbe avere un ruolo significativo nella riduzione del dolore e dell’infiammazione provocati dalla malattia.

È importare aumentare il consumo di fibre, contenute in verdure, cereali integrali, legumi e  frutta fresca. Le fibre, infatti, determinano un abbassamento degli estrogeni nel sangue, con la conseguente riduzione del loro impatto sui tessuti estrogeno-dipendenti, come l’endometrio.

Anche un aumento di acidi grassi Omega 3 è da favorire: aumentano la produzione di prostaglandina PGE1, che riduce l’infiammazione causata dall’endometriosi. Gli omega 3 sono presenti in grandi quantità in: pesce azzurro, salmone e tonno, olio d’oliva, frutta secca e semi.

Fonti:

Humanitas Salute

Fondazione Italiana Endometriosi

Cristina Caramma

Take Home Message
L’endometriosi è una patologia spesso sottovalutata e difficile da diagnosticare, che può portare all’infertilità. I sintomi più frequenti sono dolore pelvico acuto nella fase pre-mestruale, mestruale e ovulatoria, dolori durante i rapporti sessuali, stanchezza cronica. Gli esperti hanno individuato 4 fasi di questa patologia. Le terapie possono essere mediche e chirurgiche. Un ruolo importante può avere l’alimentazione.

Tempo di lettura: 1’ e 10”

Ultimo aggiornamento: 16 giugno 2020

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui