Stanchezza post-Covid, i rimedi dolci per combatterla

14177
Scarica il podcast dell'articolo

La stanchezza post-Covid affligge chi, dopo mesi, deve ancora riprendersi dalla malattia. Ma anche chi si sente sfinita da questa pandemia.

La mia amica Tiziana ha avuto il Covid, per fortuna con sintomi leggeri, ma con una grande stanchezza che non l’ha abbandonata nemmeno dopo la guarigione. Ancora oggi, a distanza di due mesi dall’ultimo tampone negativo, si affatica anche solo salendo poche rampe di scale. La stessa stanchezza affligge anche Claudia, un’altra mia amica che non ha avuto il Covid. Mi ha raccontato di sentirsi davvero sfinita, stressata e con un senso di angoscia che non la abbandona mai. La stanchezza post-Covid oggi è molto diffusa, tanto che gli esperti parlano di pandemic fatigue.

Secondo un documento redatto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la pandemic fatigue colpisce quasi il 60% della popolazione europea.

Colpisce anche chi non ha avuto la malattia, ma risente psicologicamente dei troppi mesi di pandemia. A soffrine sono maggiormente sono le donne, in misura doppia rispetto agli uomini come ha confermato uno studio recente dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Esistono dei rimedi dolci che possono aiutare a combattere la stanchezza post-Covid. Scopriamo quali sono.

Se devi riprenderti dopo la malattia…

Se sei guarita dal Covid ma ti senti ancora molto stanca, il medico omeopata Ruggero Cappello, in una recente intervista, ha consigliato Ribes nigrum e Tilia tormentosa, 30-50 gocce due o tre volte al giorno. Come spiega il dottor Cappello, “il Ribes nigrum è un tonificante fisico e mentale, Tilia invece è indicato per chi accumula tensioni e preoccupazioni che spesso sfociano in disturbi del sonno”. La cura va proseguita per 20 giorni al mese con 10 di sospensione.

Se sei ansiosa e spaventata…

Francesco Siccardi, medico omeopata, consiglia alcuni preparati mirati: Phosphoric acidum 30CH se si senti esausta, apatica, con una sensazione di “nebbia nel cervello”; Gelsemium 30CH se hai tremori, mal di testa, ansia; Ignatia 30 CH se soffri di sbalzi d’umore, crisi di pianto, insonnia. Il consiglio è di assumerne due granuli, due volte al giorno.

Per migliorare l’umore…

Il dottor Siccardi consiglia un integratore a base di alga Klamath che ha effetti antinfiammatori, stimola le difese e migliora l’umore. “Io consiglio di aprirne 3 capsule da aggiungere a mezzo litro d’acqua e sorseggiare durante la giornata per 20 giorni al mese” dice il dottor Siccardi.

Un aiuto anche dalla yoga

Utili per superare lo stato d’animo di angoscia è praticare, anche se in casa, attività che aiutano a mantenere stabili i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress) come lo yoga, la meditazione o il pilates. Possono aiutare anche impegnarsi in attività rilassanti, coltivare degli hobby e mantenere i ritmi di sonno regolari.

Fonti:

Donna Moderna

Pagine Mediche

Cristina Caramma

Take Home Message
La stanchezza post-Covid affligge chi, dopo mesi, deve ancora riprendersi dalla malattia. Ma anche chi si sente sfinita da questa pandemia. Per combatterla, un aiuto viene dall’omeopatia. Utile è anche praticare yoga, meditazione o pilates.

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 20 aprile 2021

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui