Ci Serve Davvero il Reggiseno?

201104
Scarica il podcast dell'articolo

Serve il Reggiseno

C’è chi dice che il reggiseno non sia poi così indispensabile…

Non sempre se non altro. È vero? In altre parole: È suonata la campana per il reggiseno? Prima di buttarlo nell’indifferenziata scopriamo se davvero ci serve, quando possiamo farne a meno e quando invece è consigliato indossarlo, visto che la giornata (e la vita) di una donna è lunga!

Abbiamo davvero bisogno di… “gabbie per le tette”?

Da quando lo abbiamo inventato, e di certo è stata una donna, non abbiamo mai smesso di avere con il reggiseno un rapporto di amore-odio. Amore ogni volta che ci ha aiutato a bleffare (sulla forma e la misura delle nostre amate tette). Odio, tutte le volte che ci ha lasciato a fine giornata il segno sulla pelle (sulla schiena e sulle spalle). Per non parlare di tutte le volte che ci ha tolto il respiro (quando ne abbiamo preso uno della misura sbagliata!).

Oggi, dopo avere scoperto il piacere di lavorare da casa in tuta e pantofole, e quindi dopo aver scoperto la gioia di vivere le giornate senza la “gabbia per le tette” (che si tratti di reggiseni con merletti, reggiseni con o senza spalline, reggiseni con ferretto, etc.), il reggiseno sta attraversando un’altra delle sue crisi. Forse siamo in cerca di qualcosa di nuovo là fuori?

Gillian Anderson (la protagonista femminile di X-Files per intenderci) non si è fatta scrupoli e a nome di tutte lo ha dichiarato in pubblico. Sulla sua pagina Twitter ha ammesso:

«preferisco che le tette mi arrivino all’ombelico, io non me lo metto più!»

Ok direte voi, ma indossare il reggipetto serve per la salute del seno oppure no?

Detto in altri termini, stare senza reggiseno fa male? Abbiamo davvero bisogno del reggiseno per la salute delle nostre tette? Indubbiamente può rivelarsi un grande alleato della femminilità. Il punto è che per la maggior parte delle occasioni, dentro e fuori casa, non usare il reggiseno non fa male.

Del resto se guardiamo le statistiche sarebbe meglio davvero non indossarlo, visto che la maggior parte delle donne ne indossa uno che per forma e taglia è sbagliato, e questo sì che può creare problemi di salute (postura, mal di schiena, etc.).

Che dire allora di quei momenti e di quelle situazioni “speciali” nella vita di una donna?

Gli specialisti dicono che i microscopici legamenti di cui è dotata la struttura portante del seno sono sufficienti a sostenerlo. Ma se il reggiseno compie regolarmente questo lavoro al posto loro, i tessuti tendono a indebolirsi aumentando la probabilità che il décolleté perda il suo tono naturale.

Ma bisogna pensare anche a quei momenti speciali nella vita di una donna, quando il seno per forza di cose cambia (eccome se cambia!). Durante la gravidanza ad esempio, quando si può passare da una dignitosa II ad una generosa IV in pochi mesi! E che dire dell’allattamento? E in caso di un seno XL? E cosa fare in caso di attività fisica? C’è poi il caso più delicato: come comportarsi in caso di mastectomia?

Anche la filosofia “No-bra” prevede delle eccezioni che invece consigliano l’uso del reggiseno. Ad esempio:

  • In gravidanza
  • Durante l’allattamento
  • In caso di attività fisica
  • Taglia XL

Ma anche per chi lo porta sempre, perché senza non si sente a proprio agio per via della taglia XL, dovrebbe in ogni caso toglierlo ogni tanto.

In generale diciamo che si tratta di una costrizione che andrebbe evitata non appena si può e in ogni caso di notte meglio non indossarlo (dormire nudi, e quindi dormire senza reggiseno, fa davvero bene alla salute!). Volete una regola generale, eccola: togliere il reggiseno ogni 6-7 ore è una buona cosa!

Serve il reggiseno? – Ecco l’altra faccia della medaglia: per chi è invece obbligatorio indossare il reggiseno?

Dopo un intervento di mastectomia per tumore del seno senza ricostruzione, è meglio che le donne indossino il reggiseno. Per loro ci sono modelli ad hoc che hanno una tasca di tessuto dove inserire la protesi. Il rischio, infatti, se non si porta nessun bra è quello di avere dolori osteomuscolari causati da uno sbilanciamento del peso e da una postura scorretta.

Un’ultima cosa: non dimentichiamo di allenare i pettorali!

Avete scelto di optare per questa nuova filosofia di vita che prende anche il nome di Free the Nipple (ovvero Libera il Capezzolo!)? Avete deciso dopo aver letto questo articolo di lasciare i reggiseni nel cassetto? Ok, ora non vi resta che mettere in agenda 5 minuti di attività fisica dedicata proprio ai pettorali, che altro non sono che le nostre naturali “bretelle”.

Un esercizio semplice ed efficace è quello con le mani giunte in preghiera, i gomiti in linea e le spalle aperte. Così posizionate, spingete i palmi delle mani uno contro l’altro per 6-10 secondi. E poi ripetere il movimento per almeno 10 volte. Ma anche tenere una postura “sicura”, ad es. spalle aperte, petto in fuori, pancia in dentro, aiuta. Perché non solo apparirete più slanciate, ma acquisterete anche tono muscolare perché si rinforzano scapole e dorsali che, insieme ai pettorali, servono per avere un bel seno. E visto che ci siete, massaggiate il seno, meglio se dopo una doccia, con dell’olio di mandorle. È una coccola meritata 😉

Forse la vita spensierata senza reggiseno è ancora lontana a venire (basta guardare a dove finisce lo sguardo degli uomini quando non indossiamo l’intimo…), ma di certo stiamo andando incontro ad una nuova esigenza di libertà. E tutto lascia pensare che non è “solo” una questione di tette… 😉 

Redazione VediamociChiara
©️ riproduzione riservata

Fonti e approfondimenti per “Serve il reggiseno?”

Credits immagine

Take Home Message – Serve il reggiseno?
C’è chi dice che il reggiseno non sia poi così indispensabile, non sempre se non altro. È vero? È davvero suonata la campana per il reggiseno? Prima di buttarlo nell’indifferenziata scopriamo se davvero ci serve, quando possiamo farne a meno e quando invece è consigliato indossarlo, visto che la giornata (e la vita) di una donna è lunga!

Tempo di lettura: 5 minuti

Ultimo aggiornamento: 25 agosto 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui