venerdì, 12 Luglio 2024
VediamociChiara-Logo estivo

Ipotiroidismo Maschile: Sintomi e Cause

Ipotirodismo maschile sintomi

Ipotiroidismo Maschile: Sintomi, Cause e Prevenzione. Ne abbiamo parlato con il prof. Edoardo Guastamacchia

La nostra dott.ssa Maria Luisa Barbarulo intervista il prof. Edoardo Guastamacchia del Collegio Direttivo AME Associazione Medici Endocrinologi sul tema Ipotiroidismo maschile: sintomi, cause, incidenza e prevenzione

Ipotirodismo maschile sintomi – Come si manifesta l’ipotiroidismo nell’uomo e a uso avviso quanto è diffuso nel nostro Paese?

 

La diffusione dell’ipotiroidismo in generale rappresenta una delle manifestazioni più frequenti nelle patologie endocrino-metaboliche. Sappiamo che subito dopo il diabete, la tiroide, la ghiandola interessata dal punto di vista epidemiologico è l’ipotiroidismo. Dopo il diabete è la malattia più frequente.

È sicuramente più frequente nel sesso femminile, rappresenta circa il 5% della popolazione nazionale. Nel sesso maschile la percentuale di ipotiroidismo è sicuramente inferiore, circa un 1/10 di quello che accade nella donna, ma sicuramente negli ultimi tempi anche nell’uomo questa patologia è in crescita, e ovviamente si pensa a tutta una serie di fattori, fra i quelli quelli ambientali, rappresentano sicuramente un fattore di estrema importanza.

Prof. Guastamacchia, l’ipotiroidismo maschile può essere collegato ad una predisposizione genetica o è una condizione/patologia che ha poco a che vedere con i nostri genitori?

Terza parte dell'intervista al prof. Guastamacchia - VediamociChiara

Sicuramente, come tutte la patologie in genere, la familiarità o la genetica, può avere sicuramente un ruolo, non c’è dubbio. Ma in realtà, l’ipotiroidismo, solitamente, si manifesta, come accade anche in Italia, per una condizione di carenza iodica. E questo è uno dei problemi che in passato era molto più sentito. Fortunatamente adesso con la iodio profilassi che è stata, da diversi anni, sostenuta e “stressata”, dal punto di vista mediatico, la carenza iodica in realtà oggi, ha minore importanza, anche se non bisogna assolutamente abbassare la guardia.

Ipotiroidismo maschile sintomi e cause – Quali cause possono portare all’ipotiroidismo?

Sicuramente tra le cause principali di ipotiroidismo, a seguire, c’è una causa immunitaria. Come sappiamo la tiroidite di Hashimoto, è una delle cause più frequenti di ipotiroidismo, caratterizzata dalla presenza di anticorpi che, in qualche modo ledono la tiroide e ne riducono la funzione.

L’importante è cercare di individuare i sintomi dell’ipotiroidismo, perché essi spesso, mimano altre situazioni cliniche, ed è questo il motivo per il quale la patologia viene spesso misconosciuta, e viene diagnosticata con difficoltà, soprattutto tardivamente.

Ci sono altre cause che possono portare all’ipotiroidismo?

Solo in casi meno frequenti, si può avere un deficit ipofisario, dovuto appunto a delle patologie che possono interessare l’ipofisi, che riducono la produzione del TSH, in questo caso avremo sia il TSH basso che l’FT4 basso. Parleremo in questo caso di ipotiroidismo secondario o centrale.

C’è da considerare che il follow-up dei pazienti ipotiroidei va condotto con la valutazione del solo TSH, che ci dice in realtà se la terapia eventuale, sostitutiva, che in questi pazienti è ovviamente necessaria, è adeguata o meno. È chiaro che il range del TSH, i valori del TSH, devono essere contenuti nel range del laboratorio di riferimento.

Ipotiroidismo maschile sintomi – Quali sono?

I sintomi sono quanto mai variabili. Si può passare ad una condizione di lieve depressione, ad una condizione di lieve sovrappeso, oppure obesità, a segni di tipo generale, tipo bradipsichismo, cioè non molto entusiasmo in tutte le manifestazioni della vita, bradicardia, cioè ridotta frequenza cardiaca, stipsi ostinata, secchezza della cute e tanti altri segni per i quali il paziente spesso pensa ad altro, non ovviamente alla tiroide.

E vorrei sottolineare un altro sintomo che può interessare il paziente di sesso maschile è un problema relativo al deficit erettile, non solo. Anche la spermiogenesi, in condizioni di ipotiroidismo franco, può ovviamente subire delle limitazioni.

L’ipotiroidismo maschile – Cosa si può fare per migliorare i tempi della diagnosi?

Ecco perché è importante che si facciano degli incontri, dei convegni, anche con i medici di medicina generale, in maniera da indicare loro quali sono i segni che possono portare, in maniera più veloce, ad una diagnosi di ipotiroidismo.

Prof. Guastamacchia, quali sono gli esami di laboratorio e gli accertamenti adatti a diagnosticare l’ipotiroidismo?

Sono gli ormoni classici, prodotti dalla tiroide. Cioè l’FT4 e l’FT3. Cioè la Tiroxina (o T4) e la Triiodotironina (o T3). In realtà, oltre questi due ormoni, c’è da valutare il TSH, che invece è un ormone prodotto dall’ipofisi. Siccome esiste un feedback tra TSH e FT4 in particolare, laddove c’è un carenza di FT4, quindi di produzione di ormone tiroideo, il TSH prodotto dall’ipofisi, solitamente aumenta, perché la ghiandola ipofisaria che è la maestra d’orchestra che ha sotto di sé la regolazione di tutte le altre ghiandole endocrine, accorgendosi di questa pigrizia, tramite il TSH cerca di stimolare la tiroide, a produrre ormoni tiroidei in quantità adeguata. Quindi avremmo un FT4 basso e un TSH alto.

Prof. Guastamacchia, pensa che la popolazione debba essere sensibilizzata sul tema dell’ipotiroidismo maschile. E se sì, come?

Sicuramente dal punto di vista mediatico è importante far conoscere sia i sintomi, anche precoci della patologia tiroidea, e ovviamente con delle indicazioni ben precise rivolte sia ai medici di famiglia e sia in generale a coloro che potrebbero usufruire precocemente di terapie.

Ipotiroidismo maschile e iodio profilassi – Diffondere una maggiore cultura della tiroide e della iodio profilassi

Direi che sicuramente è necessario introdurre, a livello anche scolare, oltre a far conoscere bene il problema della iodio profilassi, che probabilmente non in tutti i luoghi italiani è ben conosciuta, quindi sostenere questo impegno, anche suggerire, a livello di ambulatorio o altro, dei segni, sintomi, che possono immediatamente far indirizzare, non solo il medico di famiglia, ma lo stesso paziente, verso la giusta diagnosi, e non disperdersi in altri rivoli. Il paziente ipotiroideo si rivolge a volte anche allo psichiatra o dal neurologo, ma un medico di famiglia attento, dovrebbe essere in grado di fare da filtro e quindi non far perdere tempo inutile al paziente.

La dott.ssa Maria Luisa Barbarulo intervista il prof Edoardo Guastamacchia per la Redazione VediamociChiara © riproduzione riservata

*** Vedi e ascolta l’intervista sul nostro canale Youtube

Take Home Message
Intervista al prof. Edoardo Guastamacchia, del Collegio Direttivo AME Associazione Medici Endocrinologi sul tema dell’ipotiroidismo, una patologia diffusa non solo tra il sesso femminile.

Tempo di lettura: 5 minuti

Ultimo aggiornamento: 03 gennaio 2024

Voto medio utenti

Hai una domanda da fare? Scrivi alla nostra ginecologa

Se l’argomento ti interessa iscriviti a VediamociChiara per ricevere ogni mese tutti gli aggiornamenti sulle nostre novità e sui nostri eventi gratuiti

Scopri la convenzione con i farmacisti di RedCare riservata alle iscritte a VediamociChiara

2 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Seguici anche sui nostri nuovi profili social

Resta connesso

I numeri di VediamociChiara

VediamociChiara è il portale scelto da oltre 12 milioni di utenti

I podcast scaricati da VediamociChiara negli ultimi mesi sono oltre 100.000

Il numero delle iscritte al nostro portale ha superato quota 500.000

Se vuoi saperne di più visita la nostra pagina le statistiche di visita di VediamociChiara

I nostri progetti Pro Bono

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors