Diabete, le donne più a rischio

201090

Diabete, le donne più a rischio

Scarica il podcast dell'articolo

Le donne sono più a rischio: durante l’adolescenza, la gravidanza e superati i 45 anni. Qual è la giusta prevenzione per vivere bene ciascuna di queste fasi?

Il diabete nell’adolescenza. Meglio se con la chat!

5 mila adolescenti soffrono della forma di diabete di tipo 1, detta “diabete giovanile” e l”età della ribellione non aiuta a gestire la malattia. Oltre la metà degli adolescenti infatti va in crisi e mette in discussione il rapporto non solo con la famiglia, ma anche con il medico. E indovinate chi sono le più ribelli? Le ragazze, che spesso cominciano a fumare o seguono diete dimagranti fai da te. Senza considerare il controllo della glicemia…

Ecco che nuovi modi di comunicare possono aiutare. Come quello promosso dal Centro di diabetologia pediatrica di Napoli che ha creato la chat L’isola pancreatica che non c’è. Succede allora che gli adolescenti con diabete parlino non solo tra di loro e con i medici anche, utilizzando un linguaggio a loro più familiare: come messaggi vocali, foto, adesivi, etc. In questo modo la comunicazione è più facile, a tutto vantaggio della gestione del diabete.

Il diabete in gravidanza

Per le donne con diabete che hanno deciso di diventare mamme è necessaria una pianificazione della gravidanza per un controllo ottimale del diabete ed eventualmente una terapia adeguata.

La prevenzione del diabete gestazionale è fondamentale. Il diabete gestazionale infatti può causare complicanze alla mamma e al bambino, anche se il 95% di casi di diabete gravidico si risolve dopo il parto.

In caso del diabete di tipo 1 bisogna verificare che l’insulina utilizzata presenti l’indicazione per l’uso in gravidanza, altrimenti va sostituita.
L’indicazione è di parlare col ginecologo che, insieme al diabetologo, deciderà le misure preventive, compresi dieta e movimento.

Il diabete dopo i 45 anni

L’età in cui per molte donne inizia l’ingresso in menopausa. Un passaggio naturale, fisiologico, ma pur sempre delicato. Per questo è bene continuare con le visite dalla ginecologa e se necessario anche dalla nutrizionista, per evitare aumenti di peso (e purtroppo anche questi sembrano fisiologici!) e altri problemi come l’ipercolesterolemia e l’ipertensione.

Prevenire il diabete con il check up

Importante dopo i 40 anni, con il controllo del valore della glicemia (gli zuccheri nel sangue), soprattutto in caso di fattori che aumentano il rischio di malattia:

  • Casi precedenti in famiglia
  • Obesità o forte sovrappeso
  • Diabete gravidico
  • Dislipidemie (livello elevato di grassi nel sangue con valori oltre alla norma di trigliceridi e bassi di colesterolo HDL, quello buono

 

>>> Il Messaggero SaluteDiabete, farmaco innovativo da usare solo una volta a settimana: i malati in Italia sono oltre 4 milioni)”

>>> Per approfondimenti si rimanda alla sezione FAQ della SIDI – Società Italiana di Diabetologia

 

Credits immagine

  

Redazione VediamociChiara

 

Take Home Message – Diabete, le donne più a rischio
Le donne sono più a rischio, durante l’adolescenza, la gravidanza e superati i 45 anni. Qual è la giusta prevenzione per vivere bene ciascuna di queste fasi?

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 12 marzo 2021

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui