Check-up tra i 30 e i 40 anni

Checkup 30 40 anni

In Italia questa è la fascia d’età in cui le donne scrivono alla cicogna, anche se sono in crescita le donne che fanno altre scelte. In tutti i casi non va scordato il check-up!

Questo non vuol dire però, saltare l’appuntamento con la prevenzione o la visita ginecologica. Qui di seguito una lista molto indicativa degli esami per il check-up 30-40 anni. A calibrarla, in base al vostro caso specifico (stile di vita, familiarità con malattie, storia clinica, etc.), sarà il vostro medico di fiducia. Un consiglio: non scordare un pizzico di buon senso, solo così non correrete il rischio di esagerare con i controlli soprattutto se siete in dolce attesa 🙂

(N.B. le analisi qui elencate sono indicative. Prima di procedere va consultato il proprio medico di fiducia).

Analisi di laboratorio:

  • Trigliceridi: sono sostanze che compongono il tessuto adiposo del nostro organismo; il relativo esame serve per monitorare eventuali malattie legate ad un sistema circolatorio compromesso, come infarto e ictus. Vanno fatte a digiuno, 12 ore dall’ultimo pasto, preferibilmente leggero;
  • Emocromo: detto anche Emogramma, è la conta di diversi parametri del sangue, come globuli rossi, bianchi, piastrine, ematocrito, emoglobina, etc.;
  • Sideremia: a digiuno da non meno di 10-12 ore e lontano da farmaci o da integratori che contengono ferro da almeno 3-5 giorni. L’esame rivela eventuali carenze di Ferro;
  • Azotemia: indica la concentrazione di azoto nel sangue. Valori superiori a quelli normali indicano problemi a carico dei reni, ma anche un’alimentazione con troppe proteine (carne);
  • Glicemia: indica il valore di concentrazione di glucosio nel sangue. L’esame si effettua a digiuno;
  • Creatininemia: è un indicatore dell’attività renale;
  • Uricemia: l’acido urico è alto quando si assumono proteine in eccesso. Controllarne questo valore aiuta a proteggere il cuore e i vasi;
  • Transaminasi: per controllare la funzionalità epatica ed eventuali danni a carico del fegato;
  • GammaGT: per intercettare patologie a carico del fegato, ma anche ipertensione e diabete di tipo II;
  • Colesterolo: per conoscere i valori di entrambi i tipi, quello buono l’HDL e quello “cattivo”, il Colesterolo LDL;
  • Esame delle urine: esame importantissimo per la ricchezza di informazioni che è capace di fornire, legate soprattutto ad eventuali problemi cardiovascolari, comprese le sue più gravi conseguenze, come infarto e ictus.Altri esami
  • Elettrocardiogramma (ECG): quello effettuato sotto sforzo è consigliato per i diabetici;
  • Rilevazione della pressione arteriosa: se preferite, potete farla anche in casa oppure in farmacia.

 

Visita ginecologica

Il check-up 30-40 anni dal ginecologo consiste in diverse fasi. Dopo l’anamnesi , grazie alla quale il medico raccoglierà le informazioni (storia clinica, familiarità con alcune malattie, stile di vita, sport praticati, cattive abitudini, etc.) si passa alla visita vera e propria, l’ecografia o l’ecografia pelvica transvaginale. Seguirà il pap test e la visita senologica (voi continuate a monitorare costantemente il seno con l’Autopalpazione.

Cristina Perrotti e Massimo Danti

 Leggi anche:
 –Check-up – introduzione
 – Il sito del Ministero della Salute

Take Home Message
Checkup 30 40 anni – Una fascia d’età delicata, visto che statisticamente parlando molte sono le donne italiane che diventano mamme tra i 30 e i 40. In tutti i casi l’appuntamento con visite mediche, test ed analisi resta obbligatorio. Esami e loro frequenza vanno definiti con l’aiuto del medico (e con un pizzico di buon senso, per evitare di esagerare), in base alla vostra storia clinica, allo stile di vita e alla familiarità con alcune malattie.

Tempo di lettura: 50”

Ultimo aggiornamento: 2 aprile 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here