Cambiamento – Quando una donna tiene aperta la finestra sul mondo

cambiamento

Può capitare che la vita ci deluda o che siamo stanche di aspettare qualcosa che non arriva mai e così la motivazione si spegne… Ecco piccole astuzie per evitare di cadere in apatia

Cambiamento – Qualcuno ha detto che gli amanti illuminano le donne come diamanti. Io direi che, non è l’amante in sé, ma che è l’idea, la percezione di sentirsi amate, attraenti che dà luce al viso di una donna. Sarebbe riduttivo però relegare questo aspetto alla sola sfera sessuale. In realtà vale anche il contrario. E’ la spinta motivazionale verso un obiettivo, un desiderio, una realizzazione che smuove l’energia e la rende positiva. Creando così quella magica aurea di luce intorno ad una donna.

Ma quando questa luce smette di brillare?

Significa che la donna sente di aver perso qualsiasi aspirazione o ambizione. O che ha messo in stand by il suo potere seduttivo, che è insito nella natura femminile. Qualsiasi dieta detox, beauty farm, o miracolosa cura estetica non servirà a nulla se la donna inizia a pensare di non piacere più. Finirà con il perdere la motivazione, interesse nei confronti del mondo esterno in quanto oggetto di desiderio, di “preda”. La donna dunque è cacciatrice quanto l’uomo. Tutto il resto è un’invenzione.

La donna avventuriera con l’autostima alle stelle

Non è un caso che durante l’ovulazione la donna si veda, si senta, si percepisca più bella. Più attraente. Più sicura di sé. La natura fa le cose fatte bene. E chissà che non sia proprio questo meccanismo a garantire la conservazione della specie anche se in realtà l’essere fertile sia solo un aspetto del sistema “donna”.
Sarebbe tuttavia un errore confondere l’aspetto sessuale con l’autostima, la determinazione e la sicurezza che una donna manifesta in alcuni momenti della sua vita. Gli ormoni giocano un ruolo importante è vero, ma anche lo stato fisico in generale, la salute e più di ogni altra cosa, l’attitudine al cambiamento.

La chiave è la motivazione la propensione verso qualcuno o qualcosa

Quando una donna si sente attraente, o anche attratta verso un obiettivo, allora seduce e si illumina, è tesa verso quel sogno, quella fantasia. Quando, invece, smette di desiderare o di sedurre, si spegne.
Bhé non è un mistero, amare, sognare, fantasticare fa bene al fisico, al cuore e allo spirito. Essere protesi verso un sogno, uno scopo, nutre le cellule come una linfa vitale che riempie le piante e fa ringiovanire.
Ma cosa accade allora quando l’interruttore si spegne per ragioni dipendenti o indipendenti dal volere della donna? Ma soprattutto, come gestire questo cambiamento nel momento in cui per ragioni altrettanto naturali le donne perdono l’interesse ad essere oggetto di attenzione. O il mondo stesso smette di essere per lei oggetto di interesse e ambizione?

Le ragioni possono essere molteplici e le variabili infinite

Certo è che più passano gli anni, più si ha la percezione della caducità delle cose. Si inizia a pensare che non si ha più tanto tempo e che forse non valga neanche la pena di perseguire degli obiettivi; sia che questi abbiano sembianze umane o di una casa o di un lavoro.
Così accade che una donna si veda sfiorire, è stanca demotivata e a volte delusa dalla vita, dagli amici, dall’amore o anche dagli insuccessi lavorativi. Basta anche solo uno di questi ingredienti esplosivi per innescare un meccanismo tossico di declino in tutti gli aspetti, fisico, emotivo, spirituale. A poco a poco smette di pianificare il futuro perché non vede nessuna possibilità di cambiamento né forse lo vuole. E così piano piano si attenua la sua motivazione e con essa si spegne anche la luce sul suo viso.

Cosa fare dunque?

Come per qualsiasi malattia, anche se è banale, prevenire è meglio che curare. La cosa migliore è impedire a questo schema di mettersi in moto. Ma se anche non si fosse state brave prima si può sempre farlo dopo.
Basta attivare e mantenere vivo l’entusiasmo, l’interesse verso cose sempre nuove, lo sport, il teatro, i viaggi, le persone.
Un’azione tanto facile quanto ovvia. Così ovvia che quasi nessuno vuole prendersi l’impegno.

Il cambiamento continuo però è tanto impegnativo quanto salutare per lo spirito

La cultura in genere è una medicina infallibile, perché riempie invece di svuotare e una volta che si inizia è difficile smettere, perché si desidera conoscere sempre di più. Bastano piccole attività pianificate ma sempre nuove.
La prescrizione è mantenere vivo l’entusiasmo, la sete di sapere, di conoscere. Ho visto donne riattivarsi. Recuperare il desiderio di mettersi in gioco. Di conoscere cose nuove. Anche solo decidendo di imparare a ballare, o di fare un viaggio. L’importante è che sia qualcosa che non si è mai fatto prima e per cui sia necessario un minimo di dedizione e pianificazione.

Il mondo è un supermercato di stimoli, basta scegliere di aprire la porta e mantenerla spalancata. Il resto verrà da sé.

 

Alessandra Bitelli
Trainer & Coach
www.coach4change.it

Take Home Messagge
Cambiamento – Può capitare che la vita ci deluda o semplicemente che siamo stanche di aspettare qualcosa che non arriva mai e così la motivazione si spegne e con quella anche la luce nei nostri occhi. Bastano piccole astuzie per evitare di cadere in questo circolo vizioso di inerzia e apatia e mantenerci giovani e vitali.

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 13 maggio 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here