Qual è miglior lattobacillo contro le infezioni vaginali ?

17072

miglior lattobacillo contro infezioni vaginali

Scopriamo qual è il miglior lattobacillo contro le infezioni vaginali

Partiamo dall’inizio: dal nostro amico Microbiota (o flora batterica), quell’esercito di batteri e microorganismi che si trova nei nostri organi e nelle nostre cavità interne. Un esercito, che digerisce per noi ed è in grado di addestrare il nostro sistema immunitario, oltre a regolare gli equilibri della nostra pelle e delle mucose. Per proseguire la metafora, possiamo dire che l’80% delle sue truppe si trova nell’intestino, mentre il resto è dislocato sulla pelle, nel naso, nella bocca e nelle vie urogenitali.

Quando il microbiota è in equilibrio (eubiosi), tutto funziona correttamente. Ma quando questo equilibrio salta (disbiosi) per un qualche motivo: ad esempio a causa di un’alimentazione non corretta o dell’uso improprio di antibiotici, i nostri genitali possono essere esposti all’attacco di alcuni agenti patogeni come la candida, le vaginosi e le vaginiti batteriche. Per questo motivo è fondamentale riportare il microbiota in equilibrio e ridare al nostro esercito le armi giuste per combattere e sconfiggere rapidamente il nemico.

Ma come si fa a ridare all’esercito le armi giuste? Con i probiotici giusti

La nostra vagina è il regno dei Lactobacillus e tra tutti i lattobacilli quello che vantano la storia più vittoriosa è il Plantarum 17630. Una storia costellata dal maggior numero di studi clinici che ne rilevano l’efficacia per le patologie vaginali. Infatti:

  • Arrivano vivi e vitali nella vagina
  • Producono acido lattico e abbassano il pH
  • Producono antibiotici naturali (batteriocine)
  • Sopravvivono all’ambiente vaginale anche quando questo è alterato da agenti patogeni

Non è un caso, infatti, che sia presente in diversi prodotti specifici come: Ecocillin capsule rigide, Ecocillin capsule molli, Gynocanesflor, Bactocin ed LJ Lacto.

Come scegliere?

Per scegliere il probiotico giusto per la vostra salute intima esiste una regola di base: chiedere sempre al medico o al farmacista.

Ma poiché talvolta questo non è possibile possiamo ricorrere a questi 3 consigli di base:

  • Scegliere un prodotto da banco o un prodotto SOP (senza obbligo di prescrizione) che dichiari sia il ceppo batterico che la concentrazione
  • Verificare che il ceppo batterico sia tra quelli consigliati per la patologia
  • Verificare che la concentrazione – che è misurata in CFU (Unità che formano le colonie) – sia di almeno 1 miliardo di cellule vive per almeno uno dei ceppi presenti

Il miglior lattobacillo contro le infezioni vaginali ? Un suggerimento in più!

Da qualche tempo sono disponibili anche le capsule vaginali, che agiscono immediatamente perché sono rilasciate a livello locale. Le capsule vaginali creano un biofilm protettivo una sorta di rivestimento di batteri buoni, che impediscono agli agenti patogeni di infiltrarsi nei tessuti. Ne esistono in diverse forme: le capsule molli più adatte alle donne in menopausa, perché contengono un olio emolliente che può fungere anche da lubrificante e lenitivo contro la secchezza vaginale. Le capsule rigide più adatte alle donne in età fertile.

 

>>> Per approfondimenti sul tema “Il miglior lattobacillo contro le infezioni vaginali “

Redazione VediamociChiara

 

 

Take Home Message – Il miglior lattobacillo contro le infezioni vaginali
I probiotici per il benessere intimo devono essere selezionati con cura. Da qualche tempo possiamo scegliere anche dei probiotici da assumere localmente ma dobbiamo sempre verificare che contengano almeno 1 miliardo di CFU del ceppo batterico più indicato: il Lactobacillus Plantarum P 17630.

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 28 maggio 2021

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui