Viva le Vacanze Senza i Disturbi delle Vie Urinarie

106146

Viva le Vacanze Senza i Disturbi delle Vie Urinarie

Un’estate senza disturbi delle vie urinarie ti sembra un miraggio? Questa volta no, grazie alla prevenzione e alle nuove cure “dolci”

Possiamo fare molto per prevenire i disturbi delle vie urinarie. Soprattutto in estate. Se da una parte le nostre abitudini e il nostro stile di vita diventano più sensibili agli aspetti legati al benessere (mangiamo meglio, ci muoviamo di più e il fatto di essere più rilassate di certo ci aiuta), dall’altra le cose peggiorano (bagni frequenti, costume umido, diverse abitudini nell’igiene intima, etc.). Ecco allora che tornano utili alcuni accorgimenti e alcune cure dolci per tenere alla larga questi problemi di sempre. Ci meritiamo delle vacanze spensierate. O no? 😉  

In vacanza senza i fastidi causati dai disturbi delle vie urinarie

I disturbi delle vie urinarie compaiono generalmente quando iniziano i rapporti sessuali, ma anche e soprattutto durante la gravidanza, dopo il parto e in menopausa. E, per non farci mancare nulla, ci sono anche le versioni vacanziere di questi odiati disturbi femminili: verrebbe da dire che anche i disturbi vanno in vacanza… E in genere vengono con noi!

Ma perché l’estate sembra peggiorare le cose?

È presto detto. Estate vuol dire mare. E se non si va al mare si cerca comunque una piscina. Magari circondata da cime mozzafiato. Mare o piscina vuol dire costume, tuffi, e poi fa caldo… che ne dici… facciamo un altro bagno?

Ecco. Questa è la tipica scenetta estiva. Tra il tessuto del costume, per forza di cose sintetico e l’umidità che ne deriva, visto che lo teniamo addosso per gran parte della giornata, ecco spiegato perché l’estate è il momento clou per i disturbi delle vie urinarie.

Le infezioni del tratto urinario (UTI) sono disturbi molto comuni.

I numeri di chi ne soffre sono altissimi: 150 milioni di persone sviluppano un’infezione del tratto urinario almeno una volta all’anno, e al 40% delle donne ne viene diagnosticata una, almeno una volta nella vita. Questi disturbi possono colpire a tutte le età e i casi peggiorano non solo in estate, quando si assiste ad un picco, ma anche con l’ingresso in menopausa.

Le ricorrenze ci piacciono, ma questa no!

Quando questi disturbi sono ricorrenti, si comportano come un compagno di viaggio non gradito. I sintomi possono essere non solo fastidiosi, ma anche dolorosi:

  • Bruciore nella zona intima
  • Stimolo continuo di andare in bagno
  • Dolori addominali
  • Fastidio durante la minzione
  • Urine torbide
  • Etc.

 

Un approccio “dolce” per la cura e la prevenzione

Se sei in cerca di una cura “dolce”, che sfrutta i principi attivi naturali, la trovi nella linea dei prodotti Cistiset. In particolare:

  • Cistiset Advance
  • Cistiset Forte

I componenti di questi integratori sono un mix di alleati naturali, capaci di una azione sinergica che si rivela di grande aiuto per impedire ai batteri di aderire alla parete vescicale. Cosa c’è dentro? Nel dettaglio:

  • Cranberry Oxymacro. Un estratto concentrato di cranberry, con la più elevata percentuale di Proantocianidine di tipo A (PAC-A) sul mercato (36 mg). Queste molecole, come dimostrato da numerosissimi studi clinici, impediscono l’adesione di E. coli e riducono significativamente, se utilizzate a dosaggi stabiliti (36-72 mg/die), la concentrazione di batteri nelle urine
  • D-Mannosio. Il D-mannosio è uno zucchero semplice estratto dal larice, strettamente imparentato con il glucosio. Studi in vivo e in vitro hanno dimostrato la capacità di molecole come il D- mannosio nel ridurre la carica batterica di 2 volte nel tratto urinario e oltre 4 volte nel comparto
  • Ononide (Ononis Spinosa). L’Ononis spinosa è stata utilizzata nella medicina popolare per il trattamento delle malattie infiammatorie del tratto urinario inferiore, è considerato un antibiotico naturale, per la sua attività antibatterica contro batteri sia Gram-positivi sia Gram-negativi.
    L’associazione di Cranberry con D-mannosio e Ononide permette la sinergia di molecole che hanno dimostrato di raggiungere lo scopo di alleviare i disturbi delle vie urinarie e fornire un valido supporto per la riduzione delle malattie del tratto urinario.
  • Uva ursina. Un antinfiammatorio che favorisce anche il drenaggio dei liquidi corporei (ndr Principio attivo presente solo in Cistiset Forte).

Cistiset Forte – Indicazioni e posologia

La massima efficacia si ottiene assumendolo ai primi sintomi, in presenza di bruciore urinario con urinocoltura negativa.

Posologia:

  • 1 stick al giorno per almeno 8 giorni consecutivi, da assumere senza acqua preferibilmente alla sera prima di coricarsi

Cistiset Advance – Indicazioni e posologia

La massima efficacia si ottiene assumendolo ai primi sintomi, in presenza di bruciore urinario con urinocoltura negativa.

  • Prima della comparsa del sintomo acuto, per prevenire la proliferazione batterica
  • In associazione all’antibiotico per potenziarne l’effetto
  • Post trattamento della fase acuta, per massimizzare gli effetti della terapia e prevenire la formazione di ricorrenza

Posologia:

1 o mezza compressa al giorno, secondo necessità

È bene sapere anche…

Quello della prevenzione è un tema che ci sta particolarmente a cuore. In estate dobbiamo prestare particolare attenzione non solo alla consueta igiene intima, ma anche all’idratazione e a un altro paio di cose che qui vi ricordiamo.

1- Bevi molta acqua

Bere almeno 2 litri di acqua al giorno aiuta a diluire le urine, evitando la concentrazione e la proliferazione batterica

2- Per prevenire i disturbi delle vie urinarie in estate, cambia spesso gli indumenti intimi e il costume da bagno

Indumenti intimi attillati favoriscono l’umidità nelle zone genitali. Allo stesso modo, i costumi sintetici e indossati per ore, specie se umidi/bagnati, possono portare a un aumento della crescita batterica e irritare le vie urinarie

3- Non trattenere la pipì

Trattenere le urine o accelerarne il flusso, spingendo mentre si urina, può portare a una maggiore esposizione verso batteri nocivi e impedire l’espulsione degli stessi batteri, aumentando la possibilità di un’infezione

4- Lavati sempre da davanti a dietro

Lavarsi dopo ogni evacuazione andando dalla parte anteriore a quella posteriore, impedisce il trasferimento accidentale di batteri dall’ano alla vagina e infine all’uretra

5- Urina subito dopo il rapporto sessuale

Il tal modo, il corpo è in grado di espellere i batteri nocivi che possono essere entrati nel tratto urinario dopo un rapporto sessuale

6- Chiedi consiglio alla ginecologa

Se soffri di disturbi delle vie urinarie, parla anche con la ginecologa, per un consiglio in più. Alcuni contraccettivi, infatti, potrebbero contribuire alle irritazioni è quindi fondamentale sceglierne uno adatto a te.

Cristina Perrotti e Cristina Caramma

 

Fonti e approfondimenti:

  • Infezione del tratto urinarioHumanitas
  • Sinergia fra Oximacro® (estratto di mirtillo rosso,
    Vaccinium macrocarpon o cranberry), D-mannosio e Ononis spinosa (Ononide) per la riduzione delle infezioni del tratto urinario di M. Maffei su GIORNALE ITALIANO DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA DIRETTO DA A.R. GENAZZANI (gennaio febbraio 2017) – >>> Scarica il pdf
  • I benefici del D-mannosio contro le recidiveHumanitas
  • Per maggiori informazioni visita il sito cistiset.it  

 

Take Home Message
Possiamo fare molto per prevenire i disturbi delle vie urinarie. Soprattutto in estate. Se da una parte le nostre abitudini e il nostro stile di vita diventano più sensibili agli aspetti legati al benessere (mangiamo meglio, ci muoviamo di più e il fatto di essere più rilassate di certo di aiuta), dall’altra le cose peggiorano (bagni frequenti, costume umido, diverse abitudini nell’igiene intima, etc.). Ecco allora che tornano utili alcuni accorgimenti e alcune cure dolci per tenere alla larga questi problemi di sempre. Ci meritiamo delle vacanze spensierate. O no? 😉

Tempo di lettura: 6′

Ultimo aggiornamento: 25 giugno 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui