Ora solare e ora legale – Corriamo ai ripari

Ora solare in arrivoNoi italiani siamo famosi per saper mangiare bene. Meno per il dormire…

Siamo bravi nel godere del dolce far niente (o, come lo ha ribattezzato il sociologo Domenico De Masi, Ozio creativo), per la nostra propensione al problem solving, meno per una cosa molto naturale ai più. Dormire.

In Italia si contano 15 milioni di persone con problemi legati al sonno

Colpa dell’insonnia e altri disturbi (come le apnee notturne) se le notti di 1/4 degli italiani sono spesso insonni. A complicare il tutto, due volte l’anno, ci si mette anche il cambio dell’ora. Quello da legale a solare, con le lancette dell’orologio che vanno indietro di 1 ora, in autunno. E quella da solare a legale, in primavera, quando le lancette vanno posizionate 1 ora avanti. Un cambiamento che altera il ciclo sonno-veglia.

Paradossalmente anche a fine ottobre, con il ritorno dell’ora naturale (ora solare), i disturbi del sonno non mancano

Se è vero che il ritorno all’ora solare ci regala la possibilità di dormire un po’ di più, è anche vero che questo cambio si ripercuote nei giorni successivi. Per questa ragione qualche problema questo cambiamento, apparentemente a nostro favore, ce lo crea lo stesso.

Le donne le più colpite dagli “effetti collaterali” dell’ora solare e legale

Le donne sono le più colpite e tra queste quelle che lo sono di più hanno tra i 25 e i 35 anni. Calo di energie, senso di stanchezza, sonnolenza e difficoltà di concentrazione i sintomi più comuni. A questo disturbo si aggiunge quello che sempre le donne incontrano con i disturbi del sonno con l’arrivo della menopausa.

Con il ritorno all’ora solare, previsto nella notte tra l’ultimo sabato e l’ultima domenica del mese di ottobre, le cose non vanno meglio. A partire dal lunedì successivo il 27% degli italiani dichiara di sentirsi più irritabile, accusa sbalzi di umore e persino la depressione (per il 26%). Questi malesseri non solo dovuti solo al cambio di ora. Incide sull’umore il fatto di poter godere di ore in meno di luce solare (improvvisamente “fa buio presto”). E visto che siamo un popolo “mediterraneo” si tratta di un cambiamento che in tanti accusiamo.

A questo va aggiunto il fatto che siamo nel bel mezzo di una stazione di passaggio: la mezza stagione dai forti toni arancioni, quella di Halloween e delle castagne: l’Autunno. Ad inizio giornata facciamo più fatica ad alzarci (il 34% di noi), anche perché la sera ci addormentiamo con più difficoltà (30%). E pensare che ci sono Stati dove l’ora legale è valida tutto l’anno…

A ben guardare i disturbi hanno un nesso con il ritmo della giornata

Una volta non erano gli orologi a scandire il nostro fare: lavoro o ozio che fosse. Ma la luce solare e le stagioni. In inverno si tornava a casa presto. Mentre in estate si allungava l’orario sui campi. Con il cambio d’orario il nostro bioritmo impiega un po’ di tempo ad allinearsi a questa novità, piuttosto repentina, imposta dalle logiche dell’economia mondiale e mossa da un sacrosanto intento legato al risparmio energetico. Che poi è quello che sta all’origine dell’ora legale: consentire un risparmio energetico che deriva dal minore utilizzo di illuminazione elettrica. E funziona, visto che sono 552 i GigaWattora risparmiati solo nel 2016!

E tu, sei gufo o allodola?

Si tratta dei due cronotipi. Se appartenete alla categoria di persone che sono più attive nelle ore del mattino, siete allodola. In caso contrario, gufi. Ma qualsiasi sia il vostro cronotipo, ecco un trucchetto per superare questa piccola violenza dell’ora legale o solare. Ce lo regala Giuseppe Insalaco, ricercatore CNR – IBIM di Palermo:

“Per ridurre gli effetti collaterali è utile diluire il cambio dell’ora in modo graduale, ossia con una variazione di 10 minuti al giorno delle proprie abitudini. Così da far propria la variazione di ora in una settimana dall’avvio dell’ora solare”. 

Un piccolo stratagemma per aiutarci a godere delle nostre ore di meritato riposo.

(Fonte: Ricerca Strive Insight su un campione rappresentativo della popolazione italiana)

Cristina Perrotti

Take Home Message
Ora solare e ora legale – I cambi forzati di orario, per l’ingresso dell’ora solare o di quella legale, sconvolgono i ritmi del sonno di 1 italiano su 4. Più colpite le donne. Qui si consiglia un piccolo stratagemma per non soccombere a questi piccoli mutamenti (meno ore di luce solare in autunno, un ora di sonno in meno in primavera) valido per ogni cronotipo.

Tempo di lettura: 50’

Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here