martedì, 28 Maggio 2024

Microbiota Cutaneo: l’Importanza dei Batteri Amici della Pelle

Scarica il podcast dell'articolo

Il microbiota cutaneo difende la pelle dagli agenti esterni. Come rafforzarlo?

Il microbiota cutaneo è un complesso ecosistema costituito da batteri e altri microrganismi che vivono sulla nostra pelle e che sono fondamentali per la sua salute e il suo aspetto. Il microbiota è unico per ciascun di noi, proprio come il DNA o le impronte digitali. Aiuta la pelle a difendersi dagli agenti esterni, regola le infiammazioni e la ripara.

Negli ultimi anni è accresciuto notevolmente l’interesse del mondo scientifico per lo studio del microbiota.

Ciò è dovuto al fatto che solo negli ultimi anni sono state introdotte delle strumentazioni estremamente evolute e sofisticate in grado di analizzare il microbiota.

Oggi la comunità scientifica lo considera un secondo genoma umano. C’è, però, una differenza: mentre il genoma umano è fisso e immutabile, il microbiota può essere modificato e rafforzato.

Quando il microbiota cutaneo non funziona bene…

Proprio come accade nell’intestino, i microrganismi presenti sulla pelle normalmente vivono in armonia con il resto dell’organismo. In certi casi, però, questo equilibrio si spezza (disbiosi).

Ciò può avvenire a causa di vari fattori ambientali, come un cambiamento del pH della pelle, le radiazioni UV o semplicemente il passare dell’età.  Anche l’uso di detergenti troppo aggressivi, così come gli antibiotici, possono modificare l’equilibrio del microbiota, uccidendo i batteri buoni e peggiorando le malattie cutanee come dermatite atopica, acne e rosacea.

In genere, lo squilibrio del microbiota si manifesta con fragilità e tendenza a manifestare precocemente i segni del trascorrere del tempo.

La pelle diventa più sensibile alle aggressioni degli agenti esterni (funghi o virus, inquinanti ambientali, raggi infrarossi e ultravioletti). Ciò rallenta i processi di rinnovamento e causa una perdita di struttura ed elasticità. Inoltre, si possono sviluppare infiammazioni che si manifestano con irritazioni, imperfezioni della pelle, edemi e psoriasi.

Come riportare in equilibrio il microbiota cutaneo?

Per garantire che la nostra cute sia in condizioni ottimali, è importante nutrire i batteri che la abitano. Ciò si può fare seguendo una corretta alimentazione e prendendosi cura della propria pelle.

Oggi il mondo della dermatologia e della cosmesi ha creato delle soluzioni che associano probiotici (batteri che hanno effetti positivi sull’organismo) e prebiotici (che nutrono i probiotici), ispirandosi alle soluzioni pensate per proteggere la flora batterica intestinale.

I probiotici più utilizzati sono solitamente Lactobacilli, Bifidobacteri o Bacilli sporiformi, che contribuiscono a regolare la secrezione di sebo, a proteggere la pelle dagli effetti delle polveri sottili e a preservare la coesione della barriera cutanea.

 

Redazione VediamociChiara
©️ riproduzione riservata

Take Home Message
Il microbiota cutaneo è un complesso ecosistema costituito da batteri e altri microrganismi che vivono in armonia sulla nostra pelle e che sono fondamentali per la sua salute e il suo aspetto. È importante mantenerlo in equilibrio affinché funzioni al meglio. Per farlo, è importante nutrire i batteri che lo costituiscono. Oggi il mondo della dermatologia e della cosmesi ha creato delle soluzioni che associano probiotici (batteri che hanno effetti positivi sull’organismo) e prebiotici (che nutrono i probiotici).

Tempo di lettura: 3 minuti

Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2024

Voto medio utenti

Se l’argomento ti interessa iscriviti a VediamociChiara per ricevere ogni mese tutti gli aggiornamenti sulle nostre novità e sui nostri eventi gratuiti

Scopri la convenzione con i farmacisti di RedCare riservata alle iscritte a VediamociChiara

Lascia un commento

 Seguici anche sui nostri nuovi profili social

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors