Parliamo di osteoporosi: diagnosi precoce e terapie innovative

Parliamo di osteoporosi: diagnosi precoce e terapie innovativeIl rischio aumenta superata una certa età, o meglio, aumenta con la menopausa e con le modifiche dei livelli ormonali. Ma come facciamo a prevenire questa piaga?

Prima di chiamarsi osteoporosi, il problema si chiama osteopenia. E gli esami diagnostici per rilevarla non mancano. L’osteoporosi non si manifesta solo con la frattura, quindi quando è troppo tardi (la frattura del femore è la frattura più diffusa nella popolazione italiana), ma con la preventiva verifica della presenza di calcio nelle ossa. Questa si fa con esami specifici, come la Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC), ed è lo stesso Ministero della Salute che suggerisce questa indagine in presenza di fattori di rischio.

Trattamenti anche personalizzati

Una volta riscontrata l’osteoporosi, bisogna fare un trattamento anche molto personalizzato, perché bisogna valutare quali sono i fattori di rischio del singolo paziente ed andare a correggere quelli modificabili, anche senza ricorrere necessariamente all’uso dei farmaci. Poi, a seconda del paziente, dell’età, bisogna capire se il trattamento può essere solamente anti riassorbitivo, ovvero delle cellule che li assorbono l’osso in eccesso, oppure nei confronti degli osteoblasti, che hanno come funzione quella di produrre la matrice organica del tessuto osseo stesso.

La novità nel campo medico

Parliamo della recente scoperta una proteina che si chiama sclerostina che va ad addormentare gli osteoblasti, la ricerca ha consentito lo sviluppo di un anticorpo contro questa proteina, e bloccando questa proteina si verifica sia un recupero è una facilitazione della neoformazione ossea, e quindi una terapia decisivamente promettente anche in termini quantitativi, perché in brevissimo tempo si ottengono risultati che altrimenti si otterrebbero in 4 o 5 anni di terapia. 

Come arginare il rischio di osteoporosi? Ecco i 5 consigli del Ministero della Salute

  • Mantieni uno stile di vita attivo
  • Segui una dieta varia ed equilibrata per prevenire sovrappeso e obesità
  • Assumi adeguate quantità di calcio e vitamina D
  • Diminuisci il consumo di sale (che aumenta l’eliminazione del calcio con l’urina)
  • Evita il fumo e l’abuso di alcol, sovrappeso o obesità.

Per un approfondimento si rimanda alla lettura di questo opuscolo, del Ministero della Salute, ricco di preziosi consigli >>> “Aiuta le tue ossa”

Credits foto: Pixabay

Redazione VediamociChiara

Take Home Message
L’osteoporosi non si manifesta con la frattura, quindi quando è troppo tardi. Ma con la verifica della presenza di calcio nelle ossa, con esami specifici, come la densitometria. Tenerla lontana vuol dire prendersi cura delle ossa, con un sano stile di vita e con la giusta alimentazione.

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here