venerdì, 24 Maggio 2024

Ancora troppi Falsi Miti sulla Contraccezione Ormonale

Scarica il podcast dell'articolo

falsi miti sulla contraccezione ormonale

Ancora oggi continuano ad esserci falsi miti sulla contraccezione ormonale.

Abbiamo chiesto alla nostra prof.ssa Manuela Farris, di raccontarci i falsi miti sulla contraccezione ormonale più diffusi.

Quali sono i falsi miti più comuni sul mondo della contraccezione, in particolare modo nella contraccezione ormonale?

È una domanda a cui mi fa molto piacere rispondere, perché le Fake News continuano ad esserci sul tema della contraccezione e questo riduce l’utilizzo della contraccezione, soprattutto della contraccezione ormonale. Se si analizzano le domande che vengono fatte più frequentemente o le paure che emergono più frequentemente dalle domande che vengono poste al sito, la prima in assoluto è la paura di ingrassare. La paura che questi ormoni possano in qualche modo alterare il fisico e quindi cambiare esteticamente… perché poi lo sappiamo l’estetica è diventato un tema molto importante, soprattutto per le nostre ragazze, per le più giovani, che hanno questi modelli di riferimento irraggiungibili, ma che loro vorrebbero raggiungere

La prima paura è quella di poter avere delle modifiche fisiche

Se una ragazza è già “cicciottella” pensa di poter ingrassare ancora di più con la pillola. Ma questo non è vero. Non è assolutamente vero con gli ormoni e non lo è con le pillole più nuove che noi oggi utilizziamo più frequentemente. Che sono pillole senza estrogeni e pillole che hanno degli estrogeni naturali che sono esattamente identici a quelli che produce una donna, per cui sono degli estrogeni che non ci possono fare del male, perché sono gli stessi con cui noi viviamo tutta la vita.

La seconda paura più frequente è quella relativa alle irregolarità mestruali.

Ora è senz’altro vero che, con questo tipo di contraccettivi più leggeri, possa verificarsi più frequentemente, quella che noi chiamiamo la “mancanza di sanguinamento” nel momento della sospensione. Cioè nel momento in cui ci sono le compresse placebo, spesso non c’è la mestruazione. Ma non c’è perché non viene stimolata con questa pillole leggere. Ovvero, la mucosa dell’utero che in un ciclo normale si sviluppa, fino ad arrivare al momento della mestruazione e quindi alle perdite di sangue, in questo caso non si sviluppa, e quindi non c’è nessun sangue che deve uscire e quindi nessun sanguinamento.

Soprattutto per chi soffre di sindromi premestruali importanti, no? Chi deve stare a letto due giorni perché ha un flusso abbondantechi soffre di dolori mestruali molto importanti… diventa una cosa notevole poter riprendersi la vita in mano. Così come diventa notevole, da un punto di vista strettamente medico, la possibilità di recuperare in ferro e quindi in anemia, in quelle persone che ne soffrono.

Le risposte sono a cura della nostra Prof.ssa Manuela Farris ginecologa per Redazione VediamociChiara © riproduzione riservata

>>> Questo contenuto è estratto da un’intervista alla prof.ssa Manuela Farris Rivedi e riascolta l’intervista

Take Home Message
Ancora oggi, continuano ad esserci falsi miti sulla contraccezione ormonale. Abbiamo chiesto alla nostra prof.ssa, Manuela Farris, di dirci quelli che sono i più diffusi, tra paura di ingrassare e mestruazioni che non arrivano.

Tempo di lettura: 4 minuti

Ultimo aggiornamento: 09 marzo 2024

Voto medio utenti

Hai una domanda da fare? Scrivi alla nostra ginecologa

Se l’argomento ti interessa iscriviti a VediamociChiara per ricevere ogni mese tutti gli aggiornamenti sulle nostre novità e sui nostri eventi gratuiti

Scopri la convenzione con i farmacisti di RedCare riservata alle iscritte a VediamociChiara

Lascia un commento

 Seguici anche sui nostri nuovi profili social

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors