lunedì, 27 Maggio 2024

Maledetto Torcicollo!

Scarica il podcast dell'articolo

torcicollo

Chi non ha mai sofferto di torcicollo? Ecco come prevenirlo e curarlo.

Ci sono dolori con i quali prima o poi dobbiamo fare i conti. Noi donne, oltre a quelli mestruali, conosciamo bene il mal di schiena, il colpo della strega e anche il torcicollo. Lecito quindi chiedersi come possiamo prevenirlo e, se ne soffriamo, come curarlo al meglio

Che cosa è esattamente il torcicollo!

Parliamo di un dolore molto molto diffuso. Che spesso e volentieri arriva improvvisamente, a causa di un movimento brusco (soprattutto se non abbiamo più 20 anni…). Di buono il torcicollo ha che non dura più di qualche giorno. Certo quando ne soffriamo è un bel fastidio: ci rendiamo conto quante cose facciamo scomodando la parte più alta della nostra colonna vertebrale. Ma cosa esattamente lo provoca? Se se ne soffre lo si capisce subito: ruotare, estendere e flettere la testa diventano fonte di dolore, quando non movimenti impossibili da compiere.

Cosa provoca quel terribile dolore al collo?

Tra le cause principali senza dubbio ci sono le contratture muscolari. Alla radice del problema uno strappo di tipo muscolare dovuto ad un piccolo trauma (che ci siamo provocati da soli, facendo un movimento brusco o che ci hanno provocato altri, magari tamponandoci). Ma la causa può essere anche una qualche patologia della colonna vertebrale. Le contratture possono essere a loro volta provocate dagli sbalzi di temperatura, dall’assunzione di posizioni scorrette per lunghi periodi di tempo.

Se il dolore non scompare nel giro di pochi giorni, potrebbe essere causato da problemi alla colonna cervicale: si potrebbe trattare per esempio di una difficoltà legata ai dischi invertebrali, come un’ernia del disco e più raramente spondiloartriti e malattie reumatiche autoimmuni che provocano infiammazioni alla colonna vertebrale.

C’è speranza di alleviare il torcicollo?

Dipende da quanto è grave la situazione. Facciamo due esempi.
Se ci è venuto per guardare quel bel brizzolato dentro la macchina sportiva ferma al rosso, la soluzione è semplice: fate una doccia. Non fredda però. Calda! E direzionate il getto proprio sul collo. L’acqua calda farà l’effetto di un massaggio sui muscoli del collo, rilassandoli e dandovi sollievo.

Se invece dentro la macchina c’eravate voi, e quello dietro, per guardare la 20enne in minigonna, non ha visto il rosso e vi ha tamponato, beh, allora il collo (e l’amor proprio) vi farà un po’ più male. In questo caso potreste aver bisogno anche di farmaci antinfiammatori.

Cosa da evitare e cose invece suggerite

Una volta si credeva che tenere fermo il collo potesse essere di aiuto. In effetti lo è solo per smettere di provare dolore, ma la ripresa della mobilità viene rallentata, perché aumenta inevitabilmente la rigidità muscolare. Così facendo infatti non si fa altro che peggiorare la situazione complessiva.

Meglio allora procedere con una routine fatta di piccoli movimenti controllati. Molto utili sono anche mirati esercizi di stretching.

Dopo aver consultato il medico, si può decidere di ricorrere al kinesio taping, una cura che si somministra con l’applicazione di particolari cerotti con funzioni antinfiammatorie e antidolorifiche.

Se invece il torcicollo dura oltre la settimana e magari è anche accompagnato da sintomi come mal di testa, mal di schiena e dolore alle spalle, il consulto con lo specialista è obbligatorio, anche per una valutazione professionale della situazione. Potrebbe prescrivervi una radiografia e risonanza magnetica per avere un quadro diagnostico più definito.

Rappresentano invece sintomi di allarme legati al torcicollo la difficoltà a respirare, a parlare, a camminare o a deglutire e ancora la debolezza e l’intorpidimento degli arti. Nel caso in cui il torcicollo si accompagnasse a questi sintomi è consigliabile invece recarsi direttamente al pronto soccorso, per assicurarsi che non siano presenti delle lesioni del sistema nervoso centrale.

ps Non disperate, potreste sempre incontrare il sosia del dottor Doug Ross (interpretato dal bel George Clooney nella serie cult E.R. medici in prima linea)! 😉

Redazione VediamociChiara
©️ riproduzione riservata

Fonte: Humanitas Salute

Foto di Karolina Grabowska da Pexels

Take Home Message
Chi non ha mai sofferto di torcicollo? Ci sono dolori con i quali prima o poi dobbiamo fare i conti. Noi donne, oltre a quelli mestruali, conosciamo bene il mal di schiena, il colpo della strega e anche il torcicollo. Lecito quindi chiedersi: possiamo prevenirlo? Come si cura al meglio? Ecco allora che possono tornare utili oltre ai rimedi casalinghi, come il getto di acqua calda, anche esercizi dolci di stretching.

Tempo di lettura: 3 minuti

Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2024

Voto medio utenti

Hai una domanda da fare? Scrivi alla nostra ginecologa

Se l’argomento ti interessa iscriviti a VediamociChiara per ricevere ogni mese tutti gli aggiornamenti sulle nostre novità e sui nostri eventi gratuiti

Scopri la convenzione con i farmacisti di RedCare riservata alle iscritte a VediamociChiara

Lascia un commento

 Seguici anche sui nostri nuovi profili social

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors