martedì, 28 Maggio 2024

Come mai tendiamo a Ingrassare in menopausa? Intervista alla dott.ssa Alessandra Freda

Scarica il podcast dell'articolo

Come mai tendiamo a ingrassare in menopausa?

Come mai tendiamo a ingrassare in menopausa? Intervista alla dott.ssa Alessandra Freda, nutrizionista.

Dott.ssa Maria Luisa Barbarulo:  Tra i temi principali della menopausa ce ne è uno che ci sta particolarmente a cuore, ovvero quello dell’aumento di peso che purtroppo sembra essere in qualche modo una caratteristica della menopausa.

Come mai tendiamo ad ingrassare in questa fase della nostra vita?

Dott.ssa Freda: intanto dobbiamo dire che la menopausa è una fase fisiologica, quindi, non è assolutamente una malattia ma è un passaggio della vita della donna. Ciò che può causare un aumento di peso riguarda il fatto che ci può essere una riduzione del metabolismo basale di circa il 10%. Che cosa vuol dire? Vuol dire che ad un certo punto si inizia a consumare meno, e questo comporta una facilità nell’aumentare di peso anche a parità di alimentazione o di attività fisica.

Peso che può essere rappresentato solo da qualche chiletto, quindi nulla di preoccupante, oppure un peso che comincia a diventare un po’ pesante (scusate il gioco di parole), di una decina o quindicina di Kg, portandoci da una condizione di normopeso iniziale anche ad un eventuale sovrappeso.

Un’altra caratteristica di questo aumento di peso è che se durante l’età fertile una donna tendenzialmente accumula grasso soprattutto a livello di cosce e fianchi, quindi un grasso antiestetico ma non pericoloso, post menopausa il grasso va invece ad accumularsi a livello dell’addome; si parla quindi di grasso viscerale che invece ci preoccupa di più perché è un grasso infiammatorio. Tanto che, se la donna in età fertile è più protetta rispetto agli uomini dal punto di vista di rischio di malattie cardiovascolari, post-menopausa, a causa questo grasso che va a focalizzarsi a livello addominale, il rischio diventa quasi sovrapponibile.

Dott.ssa Maria Luisa Barbarulo:  Che cosa possiamo fare per limitare questi danni?

Dott.ssa Freda: beh sicuramente tenere monitorato il peso a partire dal periodo della premenopausa e già in questo momento affidarsi a qualcuno per correggere quelle 2-3 abitudini dietetico-comportamentali che potrebbero favorire ancor di più l’aumento di peso. Quindi, la base resta sempre: una sana alimentazione e possibilmente uno stile di vita attivo per quanto si possa fare.

Dott.ssa Maria Luisa Barbarulo: certo, e per coloro che non riescono a contenere l’aumento di peso quali sono i consigli?

Dott.ssa Freda: per coloro che non riescono a mantenere il peso o che non riescono più a tornare alla condizione di normopeso, poiché una volta accumulati 10-15 kili, non è semplice perderli in un tempo ragionevole, abbiamo a disposizione, sempre associato ad una rieducazione alimentare e al movimento, un nuovo device che è un pallone intragastrico che ci aiuta a seguire con più facilità la dieta proposta, perché va a creare un ingombro all’interno dello stomaco, quindi, ci aiuta sicuramente a ridurre i quantitativi di quello che possiamo mangiare perché una parte di stomaco è già riempita dalla presenza di questo pallone.

Dott.ssa Maria Luisa Barbarulo: certo può aiutarci anche a contenere quel senso di fame e quel senso di vuoto che certe volte ci porta a mangiare fuori misura.

Dott.ssa Freda: assolutamente si, perché per 4 mesi il pallone resta nello stomaco e quindi lo stomaco non è mai completamente vuoto ed è sempre in parte riempito dalla presenza del pallone e questo ci aiuta anche a controllare un po’ di più una tendenza pericolosa per il peso che è quella di continuare a mangiucchiare e sgranocchiare durante la giornata, perché poi si rischia di arrivare a fine giornata che senza accorgersene si sono introdotte un bel po’ di calorie.

Dott.ssa Maria Luisa Barbarulo: questo tipo di device di cui lei ci parla, necessità di un intervento operatorio o si tratta di un device che ha caratteristiche differenti?

Dott.ssa Freda: questo device non richiede endoscopia, come il pallone tradizionale, e non richiede sedazione quindi il paziente quando decide di posizionare questo pallone intragastrico è in totale coscienza e autonomia durante il momento del posizionamento, tanto che il pallone si posizione deglutendo una capsula bevendo dei bicchieri di acqua. Quindi il paziente è assolutamente collaborante e attivo anche nella fase di posizionamento del device.

Dott.ssa Maria Luisa Barbarulo: benissimo dottoressa noi la ringraziamo ancora una volta di essere stata con noi, in futuro speriamo di averla ancora tra i nostri esperti e la salutiamo e salutiamo anche le amiche di VediamociChiara che seguono online ogni giorno. Ciao a tutti.

Dott.ssa Freda: Grazie a voi e grazie a tutti. Alla prossima.

Redazione VediamociChiara
©️ riproduzione riservata

-> Guarda l’intervista sul nostro canale Youtube

-> Guarda tutti i nostri video

Take Home Message – Come mai tendiamo a ingrassare in menopausa?
La nostra coordinatrice dott.ssa Maria Luisa Barbarulo intervista la dott.ssa Alessandra Freda, nutrizionista.

Tempo di lettura: 4 minuti

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2024

Voto medio utenti

Hai una domanda da fare? Scrivi alla nostra ginecologa

Se l’argomento ti interessa iscriviti a VediamociChiara per ricevere ogni mese tutti gli aggiornamenti sulle nostre novità e sui nostri eventi gratuiti

Scopri la convenzione con i farmacisti di RedCare riservata alle iscritte a VediamociChiara

Lascia un commento

 Seguici anche sui nostri nuovi profili social

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors