Cosa sono i fiori di Bach

fiori di bach

Un rimedio che appartiene alla floriterapia, spesso confuso con la fitoterapia, possono rivelarsi utili per la nostra salute

Non è raro trovare in farmacia chi cerca di documentarsi circa l’azione dei cosiddetti  Fiori di Bach. Ma cosa sono esattamente i fiori di “Bach” e come si collocano all’interno del panorama dei prodotti farmaceutici?

Un pizzico di storia

I Fiori di Bach vengono così chiamati per via del loro “inventore” il gallese Edward Bach (per chi lo avesse pensato, no, nessuna connessione con il compositore tedesco Johann Sebastian Bach), un medico che dedicò gran parte della sua vita allo studio di metodi alternativi di cura, concentrandosi in particolare sui metodi omeopatici.

Bach nel corso di tutta la sua carriera medica tentò di dimostrare che alcuni fiori, attraverso la rugiada, erano in grado di trasmettere alcune proprietà terapeutiche. Inizialmente egli individuò “12 fiori” da lui battezzati come “guaritori”.

Come funzionano i fiori di Bach

Il presupposto terapeutico dei Fiori di Bach, si fonda sulla convinzione, portata avanti dallo stesso Bach, che ciò che va curato non è la malattia in sé, bensì lo stato d’animo che essa provoca.

I flaconcini che di solito si trovano in farmacia in genere sono composti da acqua, brandy (usato come conservante, non fatevi illusioni) e 2 gocce di ogni rimedio scelto. Il numero massimo di fiori da mescolare insieme in ogni boccetta è di 5 o 6.

Dalla boccetta così ottenuta, si assumono 4 gocce 4 volte al giorno, direttamente in bocca.

I fiori utilizzati nella floriterapia di Bach sono raccolti, messi in acqua ed esposti per tre o quattro ore al sole, oppure quando questo per motivi stagionali non sia possibile, si mettono a bollire.

Esistono circa 40 tipi di fiori e vanno dai quelli di melo (usato per gli stati d’animo che tendono all’“ossessivo”) al fiore di cicoria (che cura le alterazioni d’umore dovute alla troppe aspettative riversate sulle persone che ci circondano) e molti altri.

Rescue Remedy

Esiste anche un noto preparato di Fiori di Bach detto Rescue Remedy, una miscela di cinque fiori (Clematis, Impatiens, Rock Rose, Cherry Plum e Star of

bethelhem) considerato come una “panacea standard” per trattare diversi stati d’umore e tensioni emotive.

Il Rescue Remedy infatti, è considerato un calmante immediato in ogni situazione di stress, o quando si ha bisogno di aiuto se si è sopraffatti da:

  • Cattive notizie
  • Paure
  • Stati d’ansia improvvisi
  • Tensioni
  • Stress momentanei

In questi casi l’uso immediato di questo rimedio sembra favorire una più veloce ripresa ed un maggior equilibrio emozionale.

Si mettono 4 gocce di Rescue Remedy in un bicchiere d’acqua e lo si sorseggia oppure si possono assumere 4 gocce del rimedio puro.

Fitoterapia e Floriterapia sono la stessa cosa?

Molto spesso la floriterapia basata sulle teorie di Bach viene confusa con una specie di Fitoterapia. Questo accostamento, principalmente dovuto ai presupposti di “naturalità” di entrambe gli approcci terapeutici, in sostanza non trova alcun riscontro oggettivo. Infatti, mentre la fitoterapia si basa su presupposti scientifici che riconoscono una proprietà curativa – seppur blanda – nell’utilizzo di certe piante e/o sostanze naturali, la floriterapia non ha alcun sostegno scientifico ed è basata principalmente su convinzioni del suo fondatore.

In più va considerato che le conoscenze fitoterapiche sono basate sull’osservazione delle proprietà benefiche di alcune piante, un’attività antichissima, che ha fornito la prima base empirica su cui poggia la farmacopea moderna.

Perché i fiori di Bach

A dispetto del “bassissimo” contenuto scientifico, le teorie di Bach hanno ancora un certo seguito. Questo può essere spiegato, almeno in parte, dal – noto – effetto placebo, che non va confuso con una cura.

Le uniche terapie che la comunità scientifica riconosce come valide sono quelle provenienti dalla scienza medica ufficiale, e dunque dalla farmacologia ufficiale.

Luana Longo
Farmacista

 


Take Home Message
Cosa sono, come funzionano e perché può rivelarsi utile usare i Fiori di Bach, un rimedio che appartiene alla floriterapia, spesso confusa con la fitoterapia.

Tempo di lettura: 1’

Ultimo aggiornamento: 28 gennaio 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here