sabato, 22 Giugno 2024
VediamociChiara-Logo estivo

Che Fare in caso di Ernia Iatale?

Ernia iatale
Ernia iatale

Ernia iatale. Quali sono gli strumenti della prevenzione? E quali sono le attività fisiche da evitare?

Un’ernia piuttosto diffusa con sintomatologia aspecifica (dolore e bruciore “alla bocca” dello stomaco, rigurgiti acidi, difficoltà digestive) il più delle volte fa pensare a problemi digestivi (oltre che o a qualche arrabbiatura di troppo).

Cos’è l’ernia iatale?

L’ernia iatale è una condizione piuttosto frequente che consiste nello spostamento di una porzione dello stomaco al di sopra della giunzione esofago-gastrica. Viene diagnosticata con una gastroscopia e spesso, ma non sempre, si accompagna al reflusso gastroesofageo.

Tre tipi di ernia

Sono ben tre i tipi di ernia:

  • Da scivolamento, la più frequente e conosciuta. In questo caso lo stomaco risale nel torace, attraverso la giunzione esofago-gastrica. La osserviamo più spesso nelle persone obese
  • L’ernia paraesofagea o da rotolamento, forma più rara, determinata dalla rotazione della parte superiore dello stomaco a livello del torace. Questo tipo di ernia si può “strozzare” e causare ischemia
  • Il terzo tipo è detto misto perché presenta le caratteristiche dei primi due tipi

 

Le cause dell’ ernia iatale

Le cause del fenomeno non sono ancora del tutto note: si ipotizza che in parte vi sia una componente genetica o che la sua comparsa sia stimolata da alcune particolari condizioni (obesità, gravidanza nelle donne, traumi o allenamenti con pesi eccessivi, sforzo alla defecazione, abiti troppo stretti, fumo, etc.).

Il moto fa bene. Ma quale attività fisica in caso di ernia iatale ?

Se da una parte è consigliabile fare attività motoria, soprattutto per le persone in sovrappeso, in caso di ernia iatale ci sono delle attività fisiche da evitare.

Non ci sono dei veri e propri divieti, ma sicuramente vanno evitati quegli sport in cui c’è un aumento della pressione intra-addominale. Ad es. sollevamento pesi, addominali tipo “crunch”, etc.

Ma c’è da prestare un po’ di attenzione anche durante il giorno: cercando di chinarsi il meno possibile ed evitando di indossare cinture strette.

Ernia iatale – La prevenzione, a partire dalla tavola!

L’aspetto sempre importante è la sana alimentazione, in questo caso anche di più, visto che è coinvolto l’apparato digerente. Ma attenzione anche ad un sano stile di vita (stop al fumo, all’alcool e alla caffeina (e alla teina) e ai grassi in genere.

Non esistono cibi pro o contro l’ernia iatale in assoluto; per questo la prima buona regola sarebbe cercare di evitare pasti abbondanti, di coricarsi subito dopo aver consumato un pasto e di mangiare alimenti che possono provocare disturbi gastrici, eliminandoli dalla dieta.

(Fonte: Fondazione Veronesi)

In generale i pasti andrebbero resi più frequenti, dando il giusto spazio alla digestione, soprattutto la sera (far passare almeno 2 o 3 ore dalla cena prima di coricarsi).

Fonte notizia: Humanitas Salute

Per un approfondimento Fondazione Veronesi 

Redazione VediamociChiara
©️ riproduzione riservata

Take Home Message – Ernia iatale
Un’ernia piuttosto diffusa (circa 6 persone su 10 ne soffrono) che con sintomatologia aspecifica (dolore e bruciore “alla bocca” dello stomaco, rigurgiti acidi, difficoltà digestive) il più delle volte fa pensare a problemi digestivi (oltre che o a qualche arrabbiatura di troppo). Quali sono gli strumenti della prevenzione? E quali sono le attività fisiche da evitare?

Tempo di lettura: 3 minuti

Ultimo aggiornamento: 12 marzo 2024

Voto medio utenti

Hai una domanda da fare? Scrivi alla nostra ginecologa

Se l’argomento ti interessa iscriviti a VediamociChiara per ricevere ogni mese tutti gli aggiornamenti sulle nostre novità e sui nostri eventi gratuiti

Scopri la convenzione con i farmacisti di RedCare riservata alle iscritte a VediamociChiara

2 risposte

Lascia un commento

 Seguici anche sui nostri nuovi profili social

Resta connesso

I numeri di VediamociChiara

VediamociChiara è il portale scelto da oltre 12 milioni di utenti

I podcast scaricati da VediamociChiara negli ultimi mesi sono oltre 100.000

Il numero delle iscritte al nostro portale ha superato quota 500.000

Se vuoi saperne di più visita la nostra pagina le statistiche di visita di VediamociChiara

I nostri progetti Pro Bono

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors