lunedì, 27 Maggio 2024

Quanto dura la cura per la secchezza vaginale?

Quanto dura la cura per la secchezza vaginale

Quanto dura la cura per la secchezza vaginale?

Quanto dura la cura per la secchezza vaginale? Rispondono insieme la prof.ssa Rossella Nappi e la dott.ssa Stefania Piloni durante l’evento MagariSexPassion di Milano

 

Quanto dura la cura per la secchezza vaginale? Una bellissima domanda


Se stiamo parlando della vagina è giusto che voi capiate che i sintomi vaginali non sono come una candida non è che io faccio la cura per sette giorni e se ne va e se sono fortunata non torna più l’atrofia vaginale vulvare o sindrome genitourinaria come voi volete chiamarla è un disturbo cronico progressivo che si mantiene nel tempo e peggiora è destinato a peggiorare chi più chi meno ovviamente.Rossella Nappi

Per cui si deve iniziare una cura pian pianino guidata dal ginecologo: possiamo utilizzare prima cose meno invasive, come lubrificanti, idratanti e sostanze naturali, poi ci possono essere le terapie ormonali locali, ci possono essere delle terapie che si prendono per bocca anche per curare altre tipologie di sintomi che si possono accompagnare a quelli della vagina. Diversamente dai sintomi come le vampate e le sudorazioni che nella maggior parte delle donne dopo 4 anni e mezzo spariscono (questo almeno ci dicono gli studi), l’atrofia vulvo vaginale non è così; va avanti nel tempo e quindi noi dobbiamo continuare. E’ chiaro che saremo guidate in questo percorso e lo faremo magari a cicli, magari per dei periodi, ma certamente almeno un annetto dobbiamo fare che sia la terapia orale studiata appositamente per l’atrofia vaginale.

Prof.ssa Rossella Nappi ginecologa ed endocrinologa e responsabile della SSD di PMA, Endocrinologia Ginecologica e Menopausa ad alta complessità del Policlinico San Matteo dell’Università di Pavia e Presidente della Società Internazionale della menopausa imsociety.org

Quanto dura la cura per la secchezza vaginale? La risposta tra storia e tradizione, un po’ di magia e tante soluzioni non ormonali

Stefania PiloniPoi tenete conto che l’atrofia vulvo vaginale ha una grande tradizione non detta… e così vi racconto anche un po’ come facevano le nostre nonne, perché anche loro avevano la secchezza vaginale! E allora quali rimedi naturali usavano? I rimedi sono diversi: ad esempio l’America Latina ha sempre usato l’aloe perché il gel di Aloe è un loro prodotto, ma anche l’olio di cocco. D’altra parte tutto quello che si può mettere nella bocca e che si può mangiare come l’olio di cocco, si può mettere anche in vagina; per cui l’olio di mandorle e l’olio di cocco si possono utilizzare, anche il gel di Aloe si può mettere in vagina tranquillamente.

Le nostre nonne però usavano tantissimo un olio super idratante che è nella nostra tradizione europea, e soprattutto italiana: l’olio di ricino, è noto come purgante, ma ha anche una tradizione d’uso per la pelle e la bellezza. L’olio di ricino si mette sulle ciglia per farle diventare belle, e sulle sopracciglia non cola e non è pastoso come quello di cocco.

Poi chiaramente ci sono gli emollienti: la vitamina E ad esempio che restituisce molta morbidezza o l’acido ialuronico e abbiamo terapie non ormonali che si possono mettere in vagina.

Poi giustamente abbiamo terapie non ormonali come l’ospemifene che è l’unico farmaco che si prende per bocca, che idrata la vagina e che non è un ormone. Per cui Insomma abbiamo veramente da scegliere anche fra tante terapie non ormonali e abbiamo veramente una grande possibilità di prenderci cura di noi.

Dott.ssa Stefania Piloni ginecologa e direttrice sanitaria di Ginecea

Take Home Message

Quanto dura la cura per la secchezza vaginale? Sarebbe bello se esistesse una cura definitiva. Rispondono insieme la prof.ssa Rossella Nappi e la dott.ssa Stefania Piloni durante l’evento MagariSexPassion di Milano

Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2024

Hai una domanda da fare? Scrivi alla nostra ginecologa

Se l’argomento ti interessa iscriviti a VediamociChiara per ricevere ogni mese tutti gli aggiornamenti sulle nostre novità e sui nostri eventi gratuiti

Scopri la convenzione con i farmacisti di RedCare riservata alle iscritte a VediamociChiara

Lascia un commento

 Seguici anche sui nostri nuovi profili social

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors