Ops! Mai sentito parlare della pillola del giorno dopo

201159
prescrizione_farmaco
Contraccezione e contraccezione d’emergenza

Le nostre nonne ci hanno insegnato che c’è un rimedio per tutto. È vero, e vale anche per la contraccezione. La soluzione si chiama contraccezione d’emergenza o pillola del giorno dopo.

Ne esistono due tipi: la prima più efficace (nome commerciale ellaOne ndr) e la seconda quella tradizionale (nomi commerciali Norlevo e Escapelle ndr) e si possono acquistare in farmacia senza obbligo di prescrizione (SOP).
Per sapere in pochi clic se ne avete bisogno potere consultare un’app formidabile: da desktop App mettiche o da Applestore SMIC o da Googleplay SMIC, pochi clic per sapere subito se hai bisogno della pillola del giorno dopo.

Contraccezione d’emergenza – Una ruota di scorta

Le due pillole vanno pensate come la ruota di scorta che teniamo in macchina, da usare solo se buchiamo la gomma. Questo esempio per dire che si tratta di soluzioni che vanno bene per risolvere il problema del momento, e non strumenti da usare sempre. La contraccezione d’emergenza, quindi, non è un Contraccettivo abituale, ma va usata nel caso in cui non sia stato usato nessun metodo contraccettivo, o quando si pensa che il metodo contraccettivo usato non abbia funzionato correttamente.

Anche se non vi piace farlo “strano” ecco un piccolo elenco di cose che potrebbero succedere durante il rapporto sessuale:

  • Il preservativo si rompe;
  • L’anello contraccettivo viene espulso;
  • Il cerotto non è stato rimesso dopo la pausa dei 7 giorni, o si è staccato;
  • Abbiamo scordato di prendere la pillola oppure dopo episodi di diarrea o vomito non siamo sicure che questa sia stata ben assorbita.

Ecco, in tutti questi casi, ma anche quando si “subisce” un rapporto che non era né desiderato né programmato, possiamo ricorrere alla contraccezione d’emergenza.

Contraccezione d’emergenza – Come funzionano i due farmaci?

I due farmaci agiscono spostando l’ovulazione in avanti di qualche giorno, evitando quindi che il rapporto a rischio sia fecondante. Tuttavia mentre la formulazione tradizionale a base di Levonorgestrel, la pillola che agisce fino a 72 ore dopo il rapporto, non è in grado di bloccare il processo che porta all’ovulazione quando questo sia già iniziato, la nuova pillola, a base di Ulipristal-Acetato, (UPA) è in grado di far slittare l’ovulazione anche quando il processo che porta all’ovulazione è già in corso ed è per questo che è molto più efficace, riesce ad agire fino a 5 giorni dopo.

Contraccezione d’emergenza – Da sapere

È bene sapere che la contraccezione d’emergenza:

  • Sebbene siano molto efficaci (fino al 98%) non prevengono la gravidanza in ogni circostanza, infatti se dopo averla assunta, si verifica un ritardo di oltre 5 giorni sul proprio ciclo mestruale è necessario fare un test di gravidanza;
  • SOLO la pillola dei 5 giorni dopo (nome commerciale ellaOne) è acquistabile in farmacia e parafarmacia senza ricetta medica, come da Determina AIFA dell’8 ottobre 2020
  • La tollerabilità della pillola dei 5 giorni dopo e della pillola del giorno dopo è equivalente e sono comunque ben tollerate;
  • Agiscono impedendo la fecondazione dell’ovulo: sono in grado, a seconda del tipo, di spostare l’ovulazione di qualche giorno prima che inizi il processo che porta all’ovulazione (pillola a 72 ore), o anche dopo il suo inizio (pillola a 120 ore), ma se l’ovulazione è già avvenuta e l’ovulo è stato fecondato i farmaci non hanno più effetto;

in ogni caso mentre la pillola del giorno dopo più efficace ha un’efficacia del 98%, la pillola del giorno dopo tradizionale ha un’efficacia che oscilla dal 56% al 94% a seconda del giorno del ciclo in cui è stata assunta:

  • No ad essere usate come contraccettivo abituale;
  • Non possono interrompere una gravidanza in atto;
  • Non sono efficaci su eventuali rapporti sessuali non protetti avvenuti dopo l’assunzione.

 

Patologie e farmaci che possono interagire con i farmaci d’emergenza

Alcune patologie da malassorbimento come il morbo di Crohn e alcuni antiacidi e protettori gastrici, possono compromettere l’efficacia delle pillole d’emergenza, così come alcuni farmaci, tra questi:

  • Alcune medicine usati per trattare l’epilessia (fenobarbital, fenitoina, primidone, carbamazepina);
  • Alcuni medicinali usati per il trattamento delle infezioni da HIV (ritonavir);
  • Alcuni farmaci per il trattamento di alcune infezioni batteriche (rifabutina, rifampicina, griseofulvina);
  • Preparazioni a base di piante medicinali contenenti erba di San Giovanni (Hypericum perforatum).

 

Per questo va sempre segnalato al medico l’eventuale uso concomitante di altri farmaci

O la presenza di patologie come ad esempio disturbi cardiovascolari o disfunzioni epatiche gravi.
Inoltre per quanto riguarda la contraccezione d’emergenza più efficace, l’uso concomitante di contraccettivi ormonali  a base di levonorgestrel (come ad esempio Lestronette, Loette, Miranova, Naomi, Egogyn30, Novinette e Microgynon ndr) può risultare ridotta ed è sconsigliato l’uso concomitante delle due tipologie di pillole contraccettive d’emergenza.

Contraccezione d’emergenza – Effetti collaterali

Ecco qui di seguito i disturbi più diffusi. Che comunque spariscono rapidamente (anche se ne soffrono meno del 10% delle donne che la usano):

  • Spotting;
  • Cefalea;
  • Nausea;
  • Dolori al basso ventre;
  • Tensione mammaria;
  • Vaginiti;
  • Vertigini;
  • Diarrea;
  • Vomito;
  • Possono verificarsi ritardi nel ciclo successivo.

> Per un approfondimento istituzionale visita il sito del Ministero della Salute

> Per ulteriori informazioni visita i siti lapilloladelgiornodopo o mettiche della Società Medica Italiana per la Contraccezione (SMIC)

 

Cristina Perrotti e Maria Luisa Barbarulo

Take Home Message
Esistono due tipi di contraccezione d’emergenza, quella più efficace è in vendita senza obbligo di prescrizione medica direttamente in farmacia. Come tutti i farmaci vanno assunti solo in caso di emergenza e possono esserci interazioni con altri farmaci, per cui è sempre bene leggere il foglietto illustrativo e nel dubbio consultare il medico.

Tempo di lettura: 1’ e 30”

Ultimo aggiornamento: 10 ottobre 2020

Voto medio utenti

1 commento

  1. Certo! La contraccezione d’emergenza serve proprio quando si pensa che il proprio metodo contraccettivo possa non funzionare correttamente: pillola dimenticata o diarrea/vomito dopo poche ore dall’assunzione, rottura del preservativo, coito interrotto e così via. La pillola del giorno dopo più efficace (nota anche come “”pillola dei cinque giorni dopo) non ha più bisogno della ricetta medica se sei maggiorenne, per cui se hai un dubbio puoi comprarla subito in farmacia o parafarmacia. Ricordati che la contraccezione d’emergenza deve essere assunta il prima possibile (12/24 ore) dopo il rapporto a rischio di gravidanza indesiderata, per essere efficace al massimo.