lunedì, 27 Maggio 2024

La Vitamina del Sole: la Vitamina D

La vitamina del sole

La Vitamina D è un vero e proprio ormone che viene sintetizzato nella cute per effetto dell’assorbimento dei raggi solari e assunta, in minor misura, con gli alimenti.

Chiamata anche “vitamina del sole”, in età adulta è utile per mantenere un adeguato metabolismo del calcio per la salute delle ossa. L’ideale è un’esposizione di circa 10-15 minuti al giorno, quando la quota di raggi UVB è maggiore, ovvero tra le 10.00 e le 15.00

La vitamina D è una vitamina liposolubile

Che significa che il fegato riesce ad accumularla, per poi rilasciarla nell’organismo quando questo ne ha più bisogno.  La sua funzione principale è quella di facilitare l’assorbimento del calcio a livello intestinale. È importante quindi per la crescita e il mantenimento dello scheletro. Ma come farne una salutare scorta? E in quali alimenti si trova?

Cosa comporta la carenza di Vitamina D?

La vitamina D è associata alla salute delle ossa. Una sua carenza o mancanza può essere causa del rachitismo nei bambini, di deformazioni ossee e dell’osteomalacia, una malattia delle ossa che comporta una mancanza di minerali al loro interno.

È giusto quindi usare integratori di vitamina D? Sì, se dietro consiglio del medico, che in genere la valuta in alcuni periodi della vita: la crescita, la gravidanza e l’allattamento, visto che anche un eccesso di vitamina D può essere dannoso e causare calcificazioni di diversi organi, oltre che vomito, diarrea e spasmi muscolari.

Quanta vitamina D al giorno serve?

La risposta non è così semplice. La risposta è “dipende”. Da cosa:

  • Dall’età
  • Dal sesso (maschio o femmina)
  • Dalla stagione dell’anno. Il fabbisogno giornaliero infatti aumenta in autunno-inverno

 

Facciamo un esempio:

Secondo le indicazioni della Società Italiana di Nutrizione Umana, il fabbisogno giornaliero di vitamina D è pari a 400 UI per i bambini sotto i 12 mesi, che sale a 600 UI per le fasce d’età successive. Negli adulti sani il fabbisogno è di 1500 UI/die e negli anziani sale a 2.300 UI/die.

(Fonte: SINUSocietà Italiana di Nutrizione Umana)

 

La vitamina del sole si trova nel sole!

Qui a VediamociChiara siamo fissate con le vitamine. Dedichiamo sempre uno spazio per parlarne.  E quindi molte di voi già sapranno che garantiamo il giusto apporto apporto di vitamina D, esponendoci al sole. È il sole infatti la fonte principale di vitamina D. Meglio se preso nella fascia oraria tra le 10.00 e le 15.00, quando la quota di raggi UVB è maggiore.

Ma anche alcuni alimenti ne sono ricchi:

  • Aringhe, sardine, sgombro
  • Salmone
  • Olio di fegato di merluzzo
  • Tonno in scatola
  • Tuorli d’uovo
  • Funghi

 

Pronte per fare la spesa giusta? 😉

 

Fonte notizia: Humanitas

>>> Per un approfondimento: AIRC 

Credits immagine

 

Redazione VediamociChiara
©️ riproduzione riservata

 

 

Take Home Message – La vitamina del sole

La Vitamina D è un vero e proprio ormone che viene sintetizzato nella cute per effetto dell’assorbimento dei raggi solari e assunta, in minor misura, con gli alimenti. Chiamata anche “vitamina del sole”, in età adulta è utile per mantenere un adeguato metabolismo del calcio per la salute delle ossa. L’ideale è un’esposizione di circa 10-15 minuti al giorno, quando la quota di raggi UVB è maggiore, ovvero tra le 10.00 e le 15.00

Tempo di lettura: 3 minuti

Ultimo aggiornamento: 05 aprile 2024

Voto medio utenti

Hai una domanda da fare? Scrivi alla nostra ginecologa

Se l’argomento ti interessa iscriviti a VediamociChiara per ricevere ogni mese tutti gli aggiornamenti sulle nostre novità e sui nostri eventi gratuiti

Scopri la convenzione con i farmacisti di RedCare riservata alle iscritte a VediamociChiara

Lascia un commento

 Seguici anche sui nostri nuovi profili social

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors