Libroterapia – Quando è il libro a curarci

libroterapiaLibroterapia – Quando è il libro a curarci

Libroterapia – Sonniferi? Tranquillanti? Antidepressivi? Da oggi c’è un nuovo modo per guarire le nostre inquietudini e i nostri problemi esistenziali. Da oggi la cura consiste… nel leggere un libro!

Negli ultimi anni se ne parla come di una novità, ma in realtà non c’è nulla di nuovo

La libroterapia, ovvero l’uso della lettura per ritrovare il benessere psicologico, esiste da millenni. Dai tempi delle prime biblioteche in Grecia. Lo stesso Aristotele era convinto che il libro avesse proprietà curative. Poi nel corso dei secoli la libroterapia non ha fatto altro che confermarsi. Nel XVIII, ad esempio, in Europa, le biblioteche erano anche negli ospedali psichiatrici. Ma sarà nel 1937 che il termine libroterapia entrerà nel contesto di cura dei disturbi psichici, grazie ad uno psichiatra americano, W.C. Menninger, che ne capì le potenzialità e iniziò a prescrivere ai suoi pazienti la lettura di romanzi, come coadiuvante delle cure psicologiche.

La novità è che oggi sappiamo molto di più del potere che il libro ha sulla nostra psiche

Ma anche sui nostri sentimenti, sul nostro modo di percepire noi stessi e gli altri. Oggi, è un fatto indiscutibile, il libro si può persino sostituire ai farmaci, sonniferi compresi (basti pensare a tutte le volte che di sera ci addormentiamo con il libro in mano e con la abat-jour accesa). Ma non solo. Il libro è capace di diventare persino terapeutico se inserito in un percorso gestito da uno psicoterapeuta che usa la libroterapia come cura o coadiuvante della cura.

I libri ci curano

Ci curano e ci aiutano a capire meglio noi stessi e gli altri. Ci danno risposte. E non parliamo solo di libri cosiddetti di autoaiuto (per l’autostima, per smettere di fumare, per vincere la paura di volare, etc.). I libri ci aiutano a capire meglio i nostri sentimenti. Voltando pagina molti di noi hanno trovato, a mo’ di regalo, le risposte a domande cruciali.

Chi di noi non ha fatto esperienza di un piacevolissimo benessere psico-fisico in seguito ad una lettura? Qualsiasi essa fosse: dal romanzo epico (L’Odissea), al best seller lanciati poi anche sul grande schermo (Harry Potter, Il signore degli Anelli). Dai libri biografici che ci raccontano le vite di grandi uomini e grandi donne (Fausto Coppi, Margherita Hack), ai libri che ci raccontano la nostra storia (dall’Unità d’Italia alla Prima Guerra Mondiale). Ma anche saggi (la storia del matrimonio o della bellezza), così come i grandi classici (Via col vento, Qualcuno volò sul nido del cuculo). Senza dimenticare le favole lette ai figli (da quelle di Rodari a quelle di autori contemporanei) fino alle poesie (Alda Merini, Jacques Prevert).

Ma anche la bistratta collana Harmony, che tanto sollievo e tanta divagazione ha dato alle lettrici di tutto il mondo. Fino ad arrivare alla moda del momento, i libri da colorare, colouring book. Che ricalcano la tecnica orientale del mandala, utile per rilassarsi e gestire lo stress, e che oggi, colori alla mano e contorni prestampati, diventa accessibile a tutti.

Il libro ci offre chiavi di lettura. Del nostro passato e del nostro presente

Ci aiuta così ad intravedere il futuro. Ci porta più vicino alle nostre inquietudini più profonde. Ci aiuta ad indossare le scarpe degli altri e così facendo ci aiuta a crescere, perché ci rende capaci di guardare oltre il nostro naso, il nostro orizzonte, le nostre piccole nevrosi quotidiane…

Alla fine di questo articolo non aspettatevi la classifica di libri firmata VediamociChiara

Come “I libri da leggere questa estate”. Di classifiche di questo tipo ne troverete tante navigando online, all’ingresso delle librerie, parlando con il vostro libraio di fiducia e/o con gli amici, grazie al vecchio passaparola. Noi qui vorremmo solo suggerirvi di fare un’altra cosa, anche questa di grande utilità per il benessere psicofisico. Scrivere. Anche in questo caso serve poco, un po’ di carta e una penna, o se preferite il vostro tablet.

Sì, ma scrivere cosa? Potreste iniziare a scrivere delle vostre vacanze, delle vostre esperienze, della vostra vita. Proprio come faceva Clara, la protagonista de La casa degli spiriti di Isabelle Allende. E magari chissà, un giorno i vostri taccuini si trasformeranno in un libro, magari un e-book, che potrete regalare a tutti i vostri amici. Perché anche fare regali fa bene alla salute ; )

Cristina Perrotti

Take Home Message
Leggi che ti passa. È proprio vero. E lo è da sempre. Già nell’antica Grecia era conosciuto il potere curativo del libro. Oggi è quasi diventata una moda, per fortuna, aggiungiamo. E visto che si scrive e stampa di tutto, non ci sono scuse per trovare il libro che fa per noi. Da leggere in vacanza, sull’autobus, o prima di addormentarsi (al posto del sonnifero…).

Tempo di lettura: 1’

Ultimo aggiornamento: 15 agosto 2018

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here