Un Aiuto per la Dieta? C’è Satilia!

90794

Satilia - Un Aiuto per la Dieta

Satilia è il probiotico che ti aiuta a rispettare il regime alimentare ipocalorico

Quanto tempo abbiamo perso a seguire l’ennesima dieta? Quante volte dopo aver iniziato abbiamo rinunciato? Oggi in nostro aiuto arriva un batterio, Hafnia, presente nel probiotico Satilia. Scopriamo le ragioni della sua efficacia.

Quanto tempo perso…

Quello che passiamo a dormire, circa un terzo della vostra vita, non possiamo di certo considerarlo tempo perso, ma a guardar bene ne sprechiamo davvero tanto in altre attività:

  • Quasi un decennio a fissare il telefonino
  • Mesi interi per ricordare le password
  • Quattro mesi per decidere cosa guardare su Netflix
  • Etc.

Non solo. Perdiamo tempo anche a cercare le chiavi nella borsetta, a scegliere le scarpe giuste per quel vestito e a correggere il testo del messaggio prima di spedirlo.

Ma non finisce qui. Se parliamo di tempo perso non possiamo non parlare di quello che buttiamo al vento ogni volta che interrompiamo la dieta ipocalorica. Dopo poche settimane gettiamo la spugna e in un attimo ci ritroviamo a parlare da sole davanti al frigorifero.

Ci siamo passati tutti

Per noi donne poi la questione è davvero seria: seguire una dieta ipocalorica non è mai facile, anche perché, più spesso degli uomini, guardiamo al cibo come consolazione, ogni volta che qualcosa non va come vorremmo e allora desideriamo solo patatine fritte e bombe alla crema. La dieta si trasforma così in un ostacolo, o meglio: in una corsa ad ostacoli.

Ma non è tutta colpa nostra!

La regolazione della fame e della sazietà si è evoluta in tempi antichi per permettere ai nostri antenati di fare incetta di cibo quando questo era disponibile, così da far fronte agli inevitabili periodi di carestia che sarebbero seguiti. Per questo, ancora oggi gli alimenti molto energetici (come zuccheri e grassi) sono anche quelli che più stimolano l’acquolina in bocca. 

(Fonte Focus: Psicologia Perché ci viene fame?)

Insomma, i nostri antenati non resistevano e controllarci è difficile anche per noi.

Poi c’è la Rete, che invece di aiutarci alle volte ci confonde ulteriormente le idee con consigli, trucchetti, stratagemmi… Si legge di tutto per ovviare alla fame, l’ostacolo più grande da gestire.

Oggi però in nostro aiuto arriva un batterio. Ancora poco conosciuto tra il grande pubblico, ma gli studi parlano chiaro: si è dimostrato efficace per arginare e tenere a bada proprio il senso di fame.

Un aiuto concreto da un batterio

Chi ha sentito parlare di Hafnia alvei alzi la mano! Si tratta di un ceppo batterico. Vediamolo da vicino e cerchiamo di capire come può rivelarsi di aiuto per le persone che devono intraprendere un regime alimentare ipocalorico.

Il batterio Hafnia è stato identificato per la prima volta 70 anni fa. Lo si trova in molti formaggi, in alcuni vegetali, ad es. nelle foglie del cavolo, nella soia fermentata.

In particolare il ceppo batterico Hafnia alvei HA4597 è stato selezionato in quanto capace di produrre ClpB, un neuropeptide che mima l’azione dell’ormone saziante.

Come funziona?

Un gruppo di ricerca francese, in uno studio randomizzato placebo-controllato, ha testato il ceppo H. alvei HA4597 su soggetti sovrappeso e con dieta ipocalorica moderata, misurando la perdita di peso e il senso di pienezza ottenuto. L’analisi dei parametri avveniva con visite di controllo ogni 4 settimane per un totale di 3 mesi. Al termine dello studio nel gruppo H. alvei HA4597 si è registrato un numero significativamente maggiore di soggetti che ha raggiunto l’obiettivo rispetto al gruppo placebo (+33%). Non solo. Nel gruppo trattato con il ceppo batterico è stata osservata dopo 12 settimane, anche:

  • Una maggiore sensazione di pienezza (+23%)
  • Una maggiore perdita della circonferenza dei fianchi (+77%)

Dove trovo questo fantastico batterio?

In commercio è venduto con il nome di Satilia®, un probiotico di precisione che vanta anche un premio, il “Probiotic of the year al NutraIngredients Awards” (2021).
Satilia ® riduce il senso di fame, migliorando in questo modo l’aderenza al regime alimentare. È indicato per i pazienti in sovrappeso o obesi, al fine di ridurre il senso di fame durante una dieta ipocalorica.

Informazioni utili

Ogni capsula di Satilia® contiene:

– 2.5×107 UFC (Unità Formanti Colonie di batteri) per capsula di Hafnia alvei HA4597®
– 5 mg di Zinco
– 20 µg di Cromo


MODO D’USO
: 2 capsule al giorno, 1 durante la colazione e 1 durante il pranzo (l’effetto saziante si verifica al pasto successivo).
ATTENZIONE: Satilia ® va assunto per almeno 90 giorni.
AVVERTENZE: Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. Prima di iniziare qualunque terapia, è consigliato consultare il proprio medico di fiducia e attenersi alle sue prescrizioni. In caso di assunzione eccessiva o accidentale del prodotto, avvertire il proprio medico o farmacista.

P.S. Prima di lasciarci, un piccolo consiglio, anzi due.
Il vero piacere è il piacere misurato. Bere senza misura o mangiare fino all’eccesso non è piacere se poi ci ritroviamo in sovrappeso e insoddisfatti di noi stessi. È invece salutare bere e mangiare quel tanto che basta per calmare sete e fame. Cambiare questo approccio verso il cibo ci eviterà anche di iniziare la dieta in estate, ovvero in quel periodo dell’anno chiamato anche “All’ultimo momento“.

Redazione VediamociChiara
©️ riproduzione riservata

Fonte e approfondimenti

Take Home Message
Quanto tempo abbiamo perso a seguire l’ennesima dieta? Quante volte dopo aver iniziato abbiamo rinunciato? Oggi in nostro aiuto arriva un batterio, Hafnia, presente nel probiotico Satilia. Scopriamo le ragioni della sua efficacia.

Tempo di lettura: 6′

Ultimo aggiornamento: 2 luglio 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui