Il diabete nelle donne

Il diabete nelle donne: 1 donna su 10 ne è colpita

Il diabete nelle donne è una patologia ancora sottostimata e dalla gravità mal percepita. Eppure sono moltissime le donne a soffrirne, con conseguenze anche più gravi rispetto agli uomini. Per questo motivo la Giornata Mondiale del Diabete quest’anno è dedicata proprio al diabete e le donne.

Nel mondo 1 donna su 10 è colpita dal diabete, cioè 200 milioni di donne. Secondo le stime, questo numero raggiungerà i 330 milioni entro il 2040. Il diabete causa ogni anno 2,1 milioni di decessi, collocandosi al nono posto tra le principali cause di morte nel mondo. In Italia sono 2 milioni le donne che convivono col diabete.

Il diabete nelle donne – le differenze di genere

Le donne hanno un rischio maggiore del 50% rispetto agli uomini di sviluppare complicanze gravi, eppure  come mostra l’ultimo rapporto ARNO (SID-Cineca), si curano molto meno. Le donne affette da diabete fanno meno visite, controlli e ricoveri di quanto faccia la popolazione maschile. Inoltre, il gender gap  a sfavore delle donne, presente nella cura di molte malattie, è rintracciabile anche nel diabete. Vi sono ancora barriere “rosa” alla diagnosi e alle terapie,  soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, ma anche nel nostro Paese. Per sottolineare questa emergenza quest’anno la Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra ogni anno il 14 novembre, sarà dedicata al diabete e le donne.

Il diabete nelle donne – quali complicanze?

Le complicanze del diabete, nella donna ancora di più che nell’uomo sono:

  • retinopatia, e  quindi rischio di perdita della vista;
  • rischio di amputazioni degli arti;
  • rischio di insufficienza renale e quindi di andare in dialisi;
  • aumento del rischio cardiovascolare, e quindi di avere un infarto o un ictus.

 

Il diabete in gravidanza

Per le donne avere il diabete può significare anche avere difficoltà a concepire un figlio, visto che 2 donne su 5 di quelle affette da questa patologia sono in età fertile. Inoltre le donne che soffrono di diabete devono fare più attenzione durante la gravidanza per la loro salute e per quello del bambino. Sarà importante il mantenimento di un controllo glicometabolico molto accurato.

Non dimentichiamo poi che 1 gravidanza su 10 in Italia è insidiata dal diabete gestazionale, condizione che mette a serio rischio la salute di madre e figlio ma che purtroppo è ancora poco conosciuta e ricercata attraverso lo screening con la curva da carico glucidico. Il diabete gestazionale aumenta il rischio di parti prematuri, cesarei e di malformazioni. La probabilità per il bimbo di sviluppare un diabete di tipo 2  nei cinque anni dopo il parto cresce del 15%.

Non solo donne “con” il diabete, ma donne “per” il diabete

La buona notizia è che le donne possono avere un ruolo fondamentale nella prevenzione e nella cura del diabete. A casa e a lavoro. Nella maggior parte delle famiglie, sono infatti le donne che si occupano dei pasti. Il loro ruolo può quindi essere fondamentale per diminuire i fattori di rischio, migliorando le abitudini alimentari, con una dieta ricca di frutta, pesce e verdura e promuovendo l’attività fisica dei propri figli e nipoti. Non dimentichiamo, inoltre, che la percentuale di donne medico è destinata a prevalere su quella dei medici uomini nel prossimo futuro e che già la stragrande maggioranza di infermieri  e dietisti sono donne. Sono soprattutto le donne ad assistere e a prendersi cura  degli anziani in casa e nelle Residenze Sanitaria Assistenziali.

Lungi da essere solo vittime di questa patologia, le donne insomma possono avere un ruolo fondamentale nella prevenzione e nella cura del diabete, che con loro è tutt’altro che “dolce”.

Il diabete nelle donne – le iniziative della Giornata Mondiale

In occasione della Giornata Mondiale del Diabete sono molte le iniziative messe in campo. La Società Italiana di Diabetologia (SID), in collaborazione con Federfarma, organizzerà nelle farmacie uno screening gratuito del diabete nella settimana della Giornata Mondiale. La campagna “Sfidiamo il diabete” realizzata dalla Fondazione Diabete Ricerca ONLUS e dalla SID, invece, mirerà a raccogliere fondi per la ricerca indipendente. A Roma infine, il 12 novembre a Villa Borghese, si terrà una 5 Km non competitiva per sensibilizzare la popolazione alla Giornata Mondiale e ribadire l’importanza dell’attività fisica nella lotta a questa condizione.

Per saperne di più:

http://www.giornatadeldiabete.it/default.aspx

http://www.siditalia.it/

 

Cristina Caramma

 

Take Home Message
Diabete nelle donne – Il diabete colpisce nel mondo 200 milioni di donne, di cui 2 milioni solo in Italia. Le donne hanno un rischio maggiore del 50% rispetto agli uomini di sviluppare complicanze gravi (perdita della vista;  amputazione degli arti; insufficienza renale, patologie cardiovascolari, diabete gestazionale), eppure si curano molto meno,  fanno meno visite, controlli e ricoveri di quanto faccia la popolazione maschile. Ma lungi da essere solo vittime di questa patologia, le donne possono avere un ruolo fondamentale nella prevenzione e nella cura del diabete. Quest’anno la Giornata Mondiale del diabete che si celebra ogni anno il 14 novembre sarà proprio dedicata al diabete e le donne.

Tempo di lettura: 1’ e 15”

Ultimo aggiornamento: 27 giugno 2019

Voto medio utenti