Più Omega 3 per tutti

omega 3

Più Omega 3 per tutti

Più Omega 3 per tutti – Quando si accende la televisione è piuttosto frequente imbattersi in pubblicità che parlino di prodotti arricchiti di Omega 3. 

Così come di programmi che parlano di salute e alimentazione, che elogiano le caratteristiche di questi particolari acidi grassi.

Omega 3 per tutti

Tanta prosopopea attorno ad una componente alimentare potrebbe suscitare qualche sospetto sulle sue “presunte” virtù. D’altronde spesso le réclame televisive, sono più paragonabili alla propaganda che alla corretta informazione.

Oggi però, è sempre più chiaro il ruolo che questi acidi polinsaturi hanno nella prevenzione di molte e diffuse patologie cardiovascolari.

Salute pubblica e omega 3

La Frost and Sullivan ha infatti realizzato uno studio commissionato dalla Food Supplements Europe e l’Osservatorio sugli integratori di AIIPAAssociazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari. Lo studio ha messo in relazione il consumo di integratori alimentari di Omega 3 ed i possibili eventi di ospedalizzazione tra gli over 55 nei prossimi 5 anni in Europa.

Si parla di circa 150 milioni di individui (circa il 30% della popolazione europea) che, in questo arco temporale, hanno un alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari (Cvd).

Ciò si traduce, nell’arco di 5 anni, in circa 38 milioni di individui che potrebbero sviluppare una patologia per cui sarà necessaria una ospedalizzazione.

Un singolo ricovero, per un evento di questo tipo, costa in media alla sanità pubblica 34.000 €. Questo, moltiplicato per tutte le ospedalizzazioni da oggi al 2020, si tradurrebbe in un costo complessivo per la sanità europea di 1.300 mld di euro.

Il consumo giornaliero di 1000 mg di olio di pesce con Omega 3 tra gli over 55, dall’analisi effettuata dalla stessa Frost and Sullivan, consentirebbe di avere 1,5 milioni di ospedalizzazioni in meno.

Si parla dunque di un risparmio complessivo per la sanità europea di circa 65 mld di €.

Integrare non sostituire

Gli Omega 3 (EPA+DHA) sono sulla bocca di tutti. Anche per merito di una certa popolarità pubblicitaria. Si tratta di acidi grassi presenti in natura. Ad esempio nel pesce, in particolare nel salmone. Ma anche nelle noci, nei semi e nell’olio di lino ed altri vegetali. Ma che difficilmente, attraverso la nostra alimentazione, riusciamo ad assumere in quantità sufficienti.

Per questo motivo nascono gli integratori alimentari. Lo scopo di un’alimentazione “integrata” è quello di sopperire alla mancanza di alcuni nutrienti che per diverse ragioni non riusciamo ad assumere a sufficienza quando siamo a tavola.

1000 mg di olio di pesce al giorno, in un certo senso, sono un’utopia alimentare. Tuttavia va comunque ribadito che gli integratori alimentari (Omega 3 inclusi) non “sostituiscono” l’alimentazione. Lo sbaglio sta nel pensare che prendere un integratore a base di Omega 3 possa dispensare (è proprio il caso di dirlo) la persona dal mangiare pesce.

Il pesce, come tutti gli alimenti, è costituito da varie sostanze che sono a vario titolo utili al sostentamento del nostro organismo.

Integratori in Farmacia

Va inoltre ricordato che spesso gli integratori possono essere trovati in farmacia. Questo fatto non è un capriccio commerciale. Anche se si tratta di sostanze relativamente innocue, gli integratori vanno assunti sempre dopo aver consultato il proprio medico. Oppure il proprio farmacista.

Può capitare infatti che l’assunzione di un integratore alimentare, possa alterare il quadro fisiologico di un individuo. Ponendolo anche in situazioni rischiose per la propria salute.

In sintesi, dunque, più Omega 3 per tutti! Ma dopo aver consultato il medico e soprattutto non dimenticando quanto sia buono il salmone, le acciughe, la ricciola ecc.

Luana Longo
Farmacista

 

Take Home Message
Gli Omega 3 (EPA+DHA), particolarmente utili per la prevenzione di malattie cardiovascolari, sono degli acidi grassi presenti in natura. Si trovano nel pesce, in particolare nel salmone, nelle noci, nei semi e nell’olio di lino ed altri vegetali. Difficilmente, attraverso la nostra alimentazione, riusciamo ad assumere in quantità sufficienti. Per questo alle volte è necessario integrarli con gli integratori. Da assumere sempre dopo un consulto con il medico o farmacista. 

Tempo di lettura: 1’

Ultimo aggiornamento: 5 dicembre 2018

Voto medio utenti

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here