Settimana mondiale della tiroide – 20-26 maggio 2019

Settimana mondiale della tiroide

Inizia oggi un’intera settimana dedicata alla ghiandola a forma di farfalla dal 20 maggio al 26 maggio), con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle malattie tiroidee

La tiroide è una ghiandola che attraverso la secrezione degli ormoni tiroidei regola numerose funzioni metaboliche del nostro organismo. Un eccesso (ipertiroidismo) o difetto (ipotiroidismo) della produzione degli ormoni tiroidei influisce sulla qualità della vita e sul nostro benessere (oltre che sul nostro metabolismo). 

Tra ipertiroidismo e ipotiroidismo

“Le patologie endocrine risultano tra le più frequenti malattie croniche nell’anziano (Fabio Monzani, della SIGG, Società Italiana di Gerontologia e Geriatria). In particolare l’ipotiroidismo lieve o subclinico può colpire il 15-20% delle donne ultra settantenni. Le persone che hanno problemi alla tiroide, per spiegare la propria condizione, parlano di “uno stato di malessere” o di aver “perso il loro benessere”.

Quali sono i sintomi che dovrebbero metterci in allarme?

I sintomi sono spesso così sfumati che difficilmente si riesce a ricondurli ad una patologia. E sono davvero tanti. Stanchezza, scarsa capacità di tollerare il freddo, alterazioni del tono dell’umore, difficoltà di concentrazione. Ma anche palpitazioni, nervosismo, insonnia, gonfiore, pelle e capelli secchi. L’elenco potrebbe continuare. Cambiano poi in base alla problematica: ipertiroidismo o ipotiroidismo.

  • L’ipertiroidismo induce una accelerazione di tutti i processi metabolici causando dimagrimento, cardiopalmo, irrequietezza, tremori e irritabilità. Se si identificano questi sintomi è possibile avere la diagnosi precoce e un conseguente trattamento efficace.
  • Nell’ipotiroidismo invece il paziente è iporeattivo e rallentato. Anche nei processi cognitivi (la metafora che si usa è quella delle batterie scariche). Senso di stanchezza, rallentamento psicomotorio e talvolta anche difficoltà di concentrazione.

 

“Questa è proprio la peculiarità dell’ipotiroidismo, la malattia più frequente della tiroide, spiega Paolo Vitti, Presidente Eletto SIE, Società Italiana di Endocrinologia, coordinatore e responsabile scientifico della Settimana Mondiale della Tiroide:

Prevenzione quotidiana

“Il modo più efficace per prevenire le malattie della tiroide”, spiega Massimo Tonacchera, Professore Associato di Endocrinologia e Coordinatore Nazionale Comitato della Prevenzione della Carenza Iodica, “è assumere Iodio in quantità adeguate”.

Questo elemento è il costituente essenziale degli ormoni tiroidei. La carenza di iodio affligge ancora alcune aree del nostro paese. Questo può provocare conseguenze anche gravi. Soprattutto se la carenza nutrizionale si verifica durante la gravidanza o la prima infanzia.


A maggio le si dedica una intera settimana!

Ogni anno in tutto il mondo le viene dedicata una settimana intera, dal 20 al 26 maggio quest’anno.

Scopo della manifestazione è sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide, con particolare riguardo all’azione preventiva della iodoprofilassi.

Che si tratti di malattie che devono essere propriamente inquadrate e che i trattamenti debbano essere personalizzati ormai non basta più. La sfida è ridare quel benessere che tante persone dichiarano di avere perso”.


Ulteriori informazioni e approfondimenti online

 – Settimana mondiale della tiroide – Istituto Superiore Sanità
 – Sito ufficiale della Settimana Mondiale della tiroide
 – La pagina Facebook della Settimana Mondiale della tiroide

 

Cristina Perrotti

 

Take Home Message
La settimana mondiale della tiroide – La tiroide è una ghiandola che, attraverso la secrezione degli ormoni tiroidei, regola numerose funzioni metaboliche del nostro organismo. A maggio le si dedica una intera settimana per sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide.

Tempo di lettura: 50”

Ultimo aggiornamento: 20 maggio 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here