Dolori ai muscoli e alle ossa – 6 cose che (forse) non sai

I dolori ai muscoli e alle ossa interessano il 97% della popolazione. Ecco 6 cose che non sai sulle cause, la prevenzione e le terapie da seguire

Il 97% degli italiani soffre di mal di schiena, tendiniti, dolore alla cervicale o altri dolori ai muscoli e alle ossa. Questi dolori affliggono persone di tutte le fasce d’età. Eppure solo 2 persone su 5 agiscono immediatamente alla comparsa dei sintomi, rivolgendosi al medico o al farmacista.

I dolori ai muscoli e alle ossa possono essere acuti o cronici

Il dolore acuto compare improvvisamente ed è molto intenso. È provocato da traumi, strappi muscolari o stiramenti dei tendini, che in genere si verificano a seguito di movimenti bruschi o sforzi eccessivi, ad esempio durante l’attività sportiva.

Il dolore cronico  dura a lungo nel tempo,  ed è tipico delle età più avanzate. È dovuto ai processi legati all’invecchiamento, come artrosi e osteoartrosi. Si tratta di malattie che provocano un’infiammazione dei tessuti e una conseguente degenerazione della cartilagine che protegge le articolazioni. Ciò genera dolore durante il movimento. Il dolore cronico si acuisce con il cambiamento di clima e con il sovrappeso.

Il trauma che causa un dolore acuto può essere uno dei fattori che favoriscono l’insorgenza di un dolore cronico.

Dolori ai muscoli e alle ossa, 6 cose che non sai

Ecco sei cose da sapere sulle cause, la prevenzione e le terapie seguire.

1 – A lungo si diventa ipersensibili al dolore

L’infiammazione dei tessuti può modificare l’equilibrio delle terminazione nervose che trasmettono la sensazione di dolore e determinare un’ipersensibilità al dolore. Per questo motivo, quando insorge il dolore, è necessario intervenire in maniera tempestiva. Evitando sia un peggioramento dei sintomi, sia che il dolore si trasformi da acuto a cronico.

2 – Per i dolore ai muscoli e alle ossa, gli antidolorifici non sono l’unica soluzione e non sono tutti uguali

Se è vero che gli antidolorifici hanno un effetto rapido ed efficace, essi non dovrebbero rappresentare l’unica soluzione. Gli antidolorifici agiscono infatti sui sintomi, mente bisognerebbe piuttosto intervenire sulle cause del dolore. È importante, quindi, quando il dolore si manifesta, fare riposare il muscolo, l’osso o l’articolazione dolorante e indagare sulla sua origine. Bisogna, inoltre, considerare che i farmaci che trattano il dolore non sono tutti uguali. Ci sono i farmaci che hanno la esclusiva funzione di combattere il dolore, come gli antidolorifici. E ci sono farmaci che, oltre ad agire sul dolore, combattono anche sull’infiammazione che lo causa, come gli antinfiammatori.

3 – L’ansia  e lo stress possono peggiorare i dolori ai muscoli e alle ossa

Il dolore ha un impatto non sono fisico, ma anche psicologico ed emotivo sulla persona. Il dolore causa ansia e  preoccupazione. Ha conseguenze sull’umore e provoca un cambiamento della percezione che si ha di sé stessi, facendoci sentire più vecchi e meno attraenti. Questi effetti psicologici sono importanti al pari dei sintomi fisici, perché peggiorano la qualità della vita di chi soffre di dolori e ne compromettono la vita lavorativa, sociale e personale. Lo stress, inoltre, porta irrigidimento e tensioni ai muscoli e alle articolazione. Per questo occorre cercare di dormire bene e dedicare ogni giorno un po’ di tempo al relax.

4 – Per prevenire i dolori ai muscoli e alle ossa, fai attenzione alla postura che assumi

Stare a lungo seduti senza esercitare la colonna vertebrale può provocare mal di schiena e dolori alla colonna vertebrale. Per questo motivo è necessario evitare posizioni scorrette e non mantenere sempre la stessa posizione mentre si è seduti alla scrivania. Meglio fare brevi pause per alzarsi.

5 – L’esercizio fisico è un importante fattore di prevenzione

Spesso la causa dei dolori ai muscoli e alle ossa è legata alla sedentarietà. Se non ci muoviamo da tempo, non appena cerchiamo di fare un movimento un po’ impegnativo, anche di pochi chilometri, possono insorgere dolori. Ciò succede perché le articolazioni e i muscoli non sono abituati. Occorre quindi svolgere un’attività fisica regolare, stando attenti ad evitare sforzi fisici eccessivi, come sollevare pesi.

6 – Contro i dolori ai muscoli e alle ossa anche l’alimentazione ti aiuta

Seguire un’alimentazione sana è fondamentale per evitare il sovrappeso e mantenere in salute le ossa e i muscoli. Cosa mangiare?

  • Pesci “grassi” come salmone, tonno e sgombro, olio di oliva e noci. Sono alimenti ricchi di Omega 3, che hanno un effetto antinfiammatorio.
  • Frutta e verdura. Sono ricche di antiossidanti che combattono i radicali liberi, nemici delle nostre cellule. Se presenti in quantità eccessive, i radicali liberi causano l’invecchiamento precoce di tutto l’organismo, danneggiando organi e tessuti.

 

Evita invece i grassi saturi, contenuti ad esempio nel burro e nel grasso animale, ricchi di acido arachidonico, che aumenta l’infiammazione.

 

Cristina Caramma

Take Home Message
I dolori ai muscoli e alle ossa interessano il 97% della popolazione. Affliggono persone di tutte le fasce d’età e possono essere acuti o cronici. Tra le cose da sapere sui dolori ai muscoli e alle ossa: a lungo si diventa ipersensibili al dolore; gli antidolorifici non sono l’unica soluzione e non sono tutti uguali; l’ansia  e lo stress possono peggiorare i dolori; per prevenire i dolori ai muscoli e alle ossa, occorre fare attenzione alla postura che si assume; l’esercizio fisico è un importante fattore di prevenzione; contro i dolori ai muscoli e alle ossa anche l’alimentazione aiuta, meglio consumare pesci grassi, olio d’oliva, noci, frutta e verdura.

Tempo di lettura: 1′ e 10”

Ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here