Il fumo negli adolescenti – Ecco i rischi

Sempre più giovanissimi iniziamo a fumare. Ecco quali sono i rischi del fumo negli adolescenti.

fumo negli adolescentiSecondo alcune statistiche, negli ultimi anni il numero gli adolescenti che hanno sperimentato il fumo prima dei 15 anni è aumentato considerevolmente. Su oltre 11 milioni di fumatori in Italia, il 12,2%  ha iniziato a fumare prima dei 15 anni. L’età media in cui si accende la prima sigaretta è 17,6 anni per i ragazzi e 18,8 anni per le ragazze. (Fonte dati: Doxa). Indagare sugli effetti del fumo negli adolescenti diventa, quindi, quanto mai importante.

Il fumo negli adolescenti-Perché gli adolescenti iniziano a fumare?

Nell’età dell’adolescenza i ragazzi iniziano a lasciare il loro ruolo di bambini per costruirsi una nuova identità come adulti. In questa fase di cambiamento, accendere una sigaretta è un gesto di sfida, di coraggio, che dà l’illusione di entrare nel mondo dei grandi. Tra le motivazioni che spingono un’adolescente a iniziare a fumare c’è anche la curiosità, la volontà di emulare gli altri, la necessità di socializzazione e di sentirsi inserito nel gruppo dei suoi coetanei.

I rischi del fumo negli adolescenti.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il tabacco provoca 6 milioni di morti l’anno nel mondo. Determina più decessi di alcol, aids, droghe e incidenti stradali messi insieme. Se fa male a tutti, il fumo negli adolescenti fa malissimo.

Innanzitutto, in questa fase della vita, è più facile che si crei una dipendenza.

La nicotina stimola il cervello in modo simile alle droghe più “classiche”, come morfina e eroina. Quando il cervello viene esposto alla nicotina nell’età in cui si sta ancora sviluppando ed è quindi particolarmente vulnerabile, aumenta in maniera considerevole la probabilità che si instauri una dipendenza.

Rinunciare alla sigaretta può scatenare vere e proprie crisi di astinenza, con frustrazione, rabbia, difficoltà di concentrazione, riduzione del ritmo cardiaco.

Gli effetti sulla salute del fumo negli adolescenti sono moltissimi, e hanno impatto sia a breve sia a lungo termine.

Gli effetti più immediati sono:

  • alito cattivo, denti macchiati e un aumento del numero di carie;
  • fragilità dell’apparato pilifero, in particolare dei capelli;
  • invecchiamento precoce della pelle.

 

Inoltre, il fumo negli adolescenti provoca una ridotta ossigenazione nel sangue, la quale comporta:

Diminuzione della capacità respiratoria. Con “sole” 15 sigarette al giorno, la capacità respiratoria diminuisce del 5%. Secondo l’American Academy of Pediatrics,, gli adolescenti che fumano hanno polmoni più piccoli rispetto ai loro coetanei non fumatori.

Aumento delle malattie respiratorie. I fumatori adolescenti soffrono di più di disturbi respiratori, come raffreddori, bronchite e polmonite, rispetto ai non fumatori.

Ripercussioni a livello celebrale. Lo scarso apporto di ossigeno al cervello può provocare un deterioramento delle funzioni cerebrali.

A lungo andare, il fumo può provocare problemi all’apparato riproduttivo.

Il tabacco ha effetti negativi sulla qualità del liquido seminale, in termini di densità, numero e mobilità degli spermatozoi. Può provocare, dunque, una riduzione della fertilità. Il fumo è strettamente correlato anche all’insorgenza di disfunzione erettile.

La nicotina fa battere più forte il cuore e aumenta la pressione sanguigna, aumenta così del 25% il rischio di malattie cardio-circolatorie come aterosclerosi, infarto e ictus.

Infine, il fumo di sigaretta aumenta il rischio di tumore del polmone, la terza neoplasia più frequente dopo quelle al colon retto e al seno. Il fumo è responsabile anche dell’insorgere di tumori a: testa; collo; pancreas; vescica;  cavo oro faringeo. È uno dei co-fattori che provocano il tumore al seno.

Il fumo negli adolescenti- Attenzione al fumo di terza mano.

Oltre al fumo attivo, aspirato in prima persona, e il fumo passivo, respirato quando sono gli altri a fumare, particolarmente dannoso è il fumo di terza mano, meno conosciuto.

Il fumo di terza mano è il fumo depositato su abiti, capelli, pelle, tessuti, pareti, mobili e altri oggetti della casa.  Anche se può sembrare il più innocuo, in realtà diviene ogni giorno più tossico per chi soggiorna in un locale o indossa i vestiti in cui è presente.  Ed ha effetti dannosi sulla salute pari al fumo attivo e passivo.

Cristina Caramma

Take Home Message
Sempre più giovanissimi iniziamo a fumare. Iniziano a fumare per curiosità, per emulare gli altri, per socializzare. I rischi del fumo negli adolescenti sono: alito cattivo e un aumento del numero di carie; fragilità dell’apparato pilifero, in particolare dei capelli; invecchiamento precoce della pelle; diminuzione della capacità respiratoria;  aumento delle malattie respiratorie; danni celebrali; problemi all’apparato riproduttivo; malattie cardio-circolatorie come aterosclerosi, infarto e ictus;  aumento del rischio di tumore.  Occorre fare attenzione anche al fumo di terza mano.

Tempo di lettura: 1’ e 15”

Ultimo aggiornamento: 10 aprile 2019

Voto medio utenti:

1 COMMENTO

  1. Ciao Maurizio, saremo felici di sapere che il nostro articolo è stato utile, in modo concreto. Facci sapere. Grazie per aver scritto e buona giornata. … Redazione VediamociChiara

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here