Sei pronta per un’abbronzatura da far invidia?

abbronzatura Sei pronta per un’ abbronzatura da far invidia?

L’ abbronzatura :  a metà giugno conosci già la meta delle tue vacanze?  Sai già dove e con chi andrai? Alla domanda “E tu che fototipo sei?” non pensi ad un invito osé, ma rispondi senza indugio?

Bene, brava, prima di fare le valigie soffermati su questo articolo per conoscere ancora meglio cosa fare per proteggere al meglio la tua pelle.

Le vacanze si avvicinano e se vuoi tornare da mete esotiche con una abbronzatura invidiabile e soprattutto con la pelle in salute dovresti informarti bene prima. Come prima cosa ti consigliamo di controllare la data di scadenza della crema solare che hai usato l’anno scorso. Potrebbe essere scaduta (un errore che non poche commettono…).

Prepararsi nel miglior modo possibile al sole comincia a tavola, con la giusta alimentazione

Nelle settimane che precedono l’agognata partenza, sulla tua tavola non dovrebbero mancare sostanze ricche di antiossidanti e anti radicali liberi: vitamine, preferibilmente quelle provenienti dalla carota, mirtillo, etc. Vanno bene frutta e verdura di colore rosso, giallo e arancione, ricche di Vitamina C eVitamina E, difese naturali della pelle. Se nella tua dieta sono presenti tutti questi componenti la tua pelle avrà ottimi alleati per affrontare il sole, in caso contrario sarà bene iniziare prima di esporsi al sole.

Per una abbronzatura perfetta una dieta così ricca non è sufficiente da sola

Prima dell’esposizione sarà bene preparare la pelle anche da fuori, con uno scrub, che puoi fare anche usando del buon sale da cucina mischiato a dell’olio extra vergine di oliva. Passa questo impasto sotto la doccia massaggiando delicatamente il tuo corpo. Sentirai che pelle!

Per finire, visto che l’estate porta la nostra pelle ad esporsi maggiormente al sole, è buona norma pensare anche all’idratazione corretta del nostro corpo. Utilizzando olii o creme a base olio extra vergine di oliva oppure olio di jojoba, entrambi ricchi di vitamina E.

Da quali raggi mi devo proteggere?

E’ importante scegliere creme solari con filtri di protezione sia per i raggi UVA che UVB. Si è creduto, in passato, che i raggi UVA fossero innocui invece oggi sappiamo che sono proprio i raggi UVA i più pericolosi per la nostra pelle; sono loro infatti i responsabili dell’invecchiamento cutaneo e dei danni cellulari che predispongono ai tumori della pelle. I raggi UVB si fermano al livello dell’epidermide e possono provocare danni come scottature ed eritemi solari; mentre i raggi UVA vanno più in profondità e sono capaci di raggiungere il derma, lo strato cutaneo che si trova sotto all’epidermide.

Per la giusta abbronzatura c’è poi da scegliere il giusto solare per te

Ma come decidere quale protezione solare è la più adatta? Se vuoi andare sul sicuro per le prime esposizioni scegli sempre una protezione 50, soprattutto per le zone delicate della pelle, come cicatrici e nei e poi fai un check per capire che fototipo sei.

Aspetti importanti da tenere in considerazione per una abbronzatura sana

  • A che ora prendere il sole? Puoi prendere il sole quando preferisci, ma sappi che sarebbe meglio evitare le ore centrali, quelle che vanno dalle 11.00 alle 15.00. Questo consiglio è valido soprattutto se si tratta delle prime esposizioni e se hai una pelle chiara e sensibile;
  • Se non puoi evitare questa fascia oraria, riparati sotto un ombrellone ma ricordati di usare sempre la protezione; se è vero che sei protetta è anche vero che i raggi solari vengono riflessi dall’acqua e dalla sabbia (succede lo stesso con la neve);
  • Attenzione anche a dove prendi il sole e all’altitudine. Se la tua vacanza ti porta ai Tropici o in alta montagna, ricordati che qui avrai bisogno di una protezione più alta; la quantità di radiazioni UV infatti è maggiore.

Sbagli che facciamo spesso. In caso di esposizione solare sarà meglio

  • Applicare la protezione almeno 30 minuti prima di esporsi al sole e non una volta arrivai in spiaggia. Uno sbaglio comune che facciamo tutte, ma giocare d’anticipo, 30 minuti prima, permette alla tua pelle di assorbire bene la crema. Per non parlare del fatto che spalmare la crema a casa ti permette di spalmarla bene, senza bisogno di contorsioni sotto gli occhi indiscreti del vicino di asciugamano. In questo modo sarà più facile raggiungere i punti più difficili (come schiena e fondo schiena);
  • Applicare la crema con generosità e ogni 1 ora e mezza, questo va fatto anche nel caso in cui la giornata sia nuvolosa, perché i raggi arrivano lo stesso;
  • Per il viso, labbra (anche per evitare che torni l’herpes labiale) ed occhi, usa prodotti specifici per queste parti del corpo;
  • Prendi il sole che gli occhiali da sole con filtri UVA e UVB. Spesso sottovalutato ma di fatto è un ottimo modo per spostare più in là l’arrivo dei problemi della cataratta;
  • Insieme al fattore di protezione, in linea con il tuo fototipo, sceglie anche la crema più vicina al tuo stile di mare. Se sei un pesce rosso meglio optare per la formula resistente all’acqua, se invece sei più lucertola, anche no…;
  • Prima, durante e dopo l’esposizione è importante reintegrare i liquidi ed i sali minerali persi. Quindi ricordati di bere l’acqua più indicata per te, utile anche per reintegrare i sali minerali;
  • Ricordati di non usare il tuo alito profumo: al sole la pelle potrebbe macchiarsi;
  • Non dimenticarti di proteggere anche la testa, con cappelli a tesa larga.

E che fare dopo questa scorpacciata di sole?

Parola d’ordine idratare: usa creme, burri o olii sempre ricchi di vitamina E (karatè, oliva, jojoba, etc.) e per finire… Buone vacanze!

Leggi anche: Raccomandazione UE sulla protezione solare

 

Cristina Perrotti

Take Home Message:
Abbronzatura – Spesso andiamo incontro ad un bagno di sole senza aver prestato la giusta attenzione alla protezione. Quella giusta per i nostro fototipo. Ma la protezione della pelle inizia con una buona alimentazione ricca di sostanze capaci di proteggerci da dentro.

I raggi UVA e UVB possono causare problemi alla pelle, che vanno ben oltre le comuni scottature. La crema di protezione solare deve essere spalmata almeno 30 minuti prima di arrivare in spiaggia; deve essere in linea con la nostra idea di vacanza; se ci piace fare tanti bagni va scelta quella resistente all’acqua.

Bisogna ricordarsi anche di proteggere la testa e gli occhi e di idratare il corpo dopo l’esposizione al sole.

Tempo di lettura: 1’

Ultimo aggiornamento: 15 agosto 2018

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here