Diabete e prevenzione

138379

Come combattere il diabete? La migliore arma rimane la prevenzione

In Italia sono ben 3,7 milioni le persone affette da questa patologia. Ma si calcola che ce ne sia almeno un altro milione che non sa di averlo, per un totale di 5 milioni di individui: circa 1 su 12.

Diabete e prevenzione è il binomio vincente.

Il diabete è una patologia che consente di vivere una vita assolutamente normale

Questo se è tenuto sotto controllo, una testimonianza diretta sono tutti i personaggi famosi che ne soffrono e che, nonostante questo, vincono Premi Oscar o medaglie d’oro alle Olimpiadi, dirigono aziende o governano paesi…

Gli italiani considerano il diabete una malattia importante. Che però riguarda sempre qualcun altro. Pertanto non si sottopongono a screening diagnostici preventivi. Neanche quando sono oggettivamente a rischio di svilupparla per la presenza dei cosiddetti fattori di rischio indicati dal Ministero della Salute. Come familiarità, diabete gestazionale, ossia il diabete che compare nel corso di una gravidanza, dieta ad elevato contenuto di grassi (carni rosse grasse o insaccati, formaggi grassi e dolci). Così come fumo di sigaretta, eccessivo consumo di alcol, sedentarietà etc

Una recente ricerca di Eurisko ha rivelato che molte persone considerano il diabete una malattia fine a se stessa

Sottovalutando o ignorando il fatto che molte patologie sono collegate direttamente e indirettamente al diabete, come ad esempio infartoictus, malattie renali, cecità e tumore.

Dalla ricerca emerge anche un atteggiamento quasi dicotomico degli italiani. Perché da un lato tendono a sottovalutare la possibilità di essere diabetici, dall’altro però il desiderio di saperne di più è in costante aumento (oltre il 65% degli intervistati).

È bene ricordare che in Italia l’assistenza ai diabetici è considerata tra le migliori al mondo

Anche se da più voci si segnala la necessità di una maggiore integrazione tra chi cura la malattia e chi ha la malattia, nel senso più ampio dei termini. Includendo quindi anche le persone accanto al malato e le strutture pubbliche e private. Le case farmaceutiche e le aziende biomedicali. Questo insieme integrato e organizzato dovrebbe consentire di identificare gli strumenti diagnostici e curativi più idonei e avanzati in generale. Ma anche quelli più adatti in particolare, caso per caso.

 – Diabete Italia – www.diabeteitalia.it.

Cristina Perrotti

Take Home Message
Diabete e prevenzione – In Italia soffrono di diabete. Almeno 5 milioni di persone, di cui almeno un milione non sa di averlo. Pochi considerano il diabete come collegato ad altre patologie come tumori, ictus, malattie renali o cecità. In Italia l’assistenza ai diabetici è eccellente, ma si sente la necessità di maggiore vicinanza tra malato, chi gli sta accanto e medico.

Tempo di lettura: 50′

Ultimo aggiornamento: 19 agosto 2020

Voto medio utenti

1 commento

  1. Mi sorella ne soffre da quando aveva 15 anni, ma è sempre stata molto precisa nella cura e nei controlli e devo dire che è riuscita a rendere la sua vita non molto diversa dalla mia che sono sempre stata quella “”sana””. Mia sorella mangia con attenzione, è vero, ma ha un marito, due figlie e un cane, lavora spesso all’estero e fa sport regolarmente! E’ proprio vero che la giusta predisposizione d’animo e la giusta mentalità sono vincenti contro tutto.

  2. Ho quasi 50 anni e non ho mai fatto un controllo!!!! Neanche durante la gravidanza… e questo pur avendo una madre diabetica!!! Credo di far parte di quel milione di italini che non sa di averlo… Ora che posso fare?

  3. Ciao Cynderella, tra poco pubblicheremo sul sito di Vediamoci Chiara un articolo dedicato alla Giornata Mondiale del Diabete, che ogni anno si festeggia a novembre. Informazione, controlli gratuiti… potrebbe essere la buona occasione per te per fare un primo controllo. Che dici?