Gambe a tronco?

Gambe a tronco?

Se siete come me e ai primi caldi non vedete l’ora di liberarvi di calze e scarpe chiuse, allora è arrivato il momento di far respirare piedi e gambe. Ecco come!

Un tocco di smalto, ceretta, cremina idratante e via? Non è così semplice: insieme al caldo, arriva anche il momento in cui vediamo che qualcuno ha rubato le nostre “solite” caviglie e le ha sostituito con due tronchetti gonfi e doloranti. Che si può fare?

Innanzitutto parliamo delle cause delle gambe a tronco

Il gonfiore delle caviglie, o meglio l’edema, spesso è causato da un eccesso di sale nel cibo, specialmente se nel frattempo non beviamo acqua a sufficienza.

Non bevendo abbastanza acqua, specialmente quando fa caldo, aumenta la concentrazione di sale / sodio nel sangue: questo porta il corpo a trattenere l’acqua, causando i classici sintomi di ritenzione idrica  – vale a dire cellulite e gonfiore alle caviglie.

Inoltre, con il caldo i nostri vasi sanguigni tendono ad espandersi e questo a volte fa sì che ci siano perdite di liquido nei tessuti circostanti. Se poi stiamo sedute a lungo, magari alla scrivania, oppure stiamo troppo a lungo in piedi o camminiamo tanto… ecco che la forza di gravità porta i liquidi in eccesso verso il basso: verso le nostre caviglie, per l’appunto.

Attenzione: il gonfiore alle caviglie potrebbe dipendere anche da qualche condizione più complessa

Condizione che può interessare cuore, reni o fegato, quindi se vedete un problema ricorrente che non riuscite a risolvere, meglio rivolgersi al medico per fare dei controlli.

Ecco alcuni consigli per ridurre il problema e soprattutto evitare che si ripresenti il problema delle gambe a tronco

  • Bere di più
    Sembra un consiglio scontato, ma a volte non beviamo abbastanza, anche quando fa molto caldo, oppure beviamo le cose sbagliate. Meglio ricorrere alla normalissima acqua di rubinetto, che non contiene sodio né altre sostanze aggiunte come zuccheri o caffeina
  • Muoversi senza esagerare
    Se fate una vita sedentaria, o se il vostro lavoro vi fa stare tanto tempo in piedi, ricordatevi di cambiare posizione e muovervi un po’, evitando però di fare lunghe camminate, che potrebbero peggiorare la situazione.
  • Massaggiate le caviglie
    Durante il giorno – e se la situazione lo permette, anche i piedi – per stimolare il drenaggio linfatico
  • Evitare cibi salati
    Patatine, salatini e noccioline, salumi e cibi pronti sono spesso carichi di sale; è importante leggere le etichette e  fare attenzione agli ingredienti, perché a volte il sodio è presente in quantità elevate anche in alimenti insospettabili (ad esempio, alcuni cereali per la prima colazione)
  • Sollevate piedi e gambe ogni volta che è possibile
    E’ vero che non potete poggiarli sulla scrivania (a meno che non abbiate un ufficio tutto vostro… e possiate chiudervi dentro!), ma magari potete optare per un poggiapiedi, che rappresenta già un bell’aiuto rispetto al pavimento
  • Prendete supplementi di magnesio
    La carenza di questo minerale può causare edema e crampi. Non esagerate però: superare i 350mg al giorno è inutile perché il nostro corpo lo elimina… ed è anche costoso!

Credits immagine

Luisa Mann Buoni

Take Home Message
Gambe a tronco? – Con il caldo arriva il momento in cui ci rendiamo conto che le nostre caviglia assumono la forma del tronco di un albero. Da che dipende? E come possiamo alleviare questo fastidio?

Tempo di lettura: 1’

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here