Latte animale o latte vegetale – Informati poi scegli!

latte

Oggi oltre al latte di origine animale, indicato soprattutto per bambini ed anziani perché ricco di calcio, vitamine e fosforo, è facile trovare anche alternative vegetali, ideali per chi soffre di intolleranze o semplicemente per un desiderio di cambiare.

Il latte è un alimento primario dei mammiferi ed elemento base della dieta. Ultimamente il latte animale, soprattutto quello vaccino, è una bevanda al centro del dibattito. Tra chi lo addita come non necessario e addirittura nocivo e chi ne esalta le proprietà. Si sono così fatte spazio nel mercato degli ultimi anni anche alcune tipologie di latte vegetale. Mentre decidiamo quale scegliere e se continuare a berlo, possiamo informarci sulle sue proprietà benefiche e nutritive.

Il latte vaccino

Il latte di origine animale viene considerato come una bevanda completa e nutriente, con innumerevoli proprietà che attraversano la storia dall’antichità fino a oggi. Contiene molta acqua e ha un elevato potere dissetante. E’ indicato soprattutto per i bambini e gli anziani, perché ricco di Calcio (un aiuto per le ossa arriva anche dal latte d’asina) e vitamina, che rinforzano ossa e denti. Inoltre ha molte vitamine del gruppo B e A e contiene tutti gli amminoacidi che servono al nostro organismo per rimanere in buona salute. Il latte contiene anche buona parte di grassi e una sostanza edulcorante che non si trova in altri alimenti, il lattosio. 100 ml di latte intero contengono circa 3 grammi di proteine, 4 grammi di grassi, 4,5 grammi di zuccheri e 1 grammo di sali minerali.

Il latte caprino

Come latte animale, è anch’esso completo e soddisfa diversi bisogni nutrizionali specifici per le varie fasce di età. Rispetto al latte vaccino, il latte di capra è meglio tollerato. Si caratterizza per l’alta digeribilità dei grassi, per l’elevato contenuto di calcioFosforo e per la ricchezza di vitamine. Il latte di capra, dopo quello di asina, è considerato quello più simile al latte materno e quindi viene spesso consigliato dai pediatri per i bambini. A dispetto della sua maggiore tollerabilità, il latte di capra ha però un gusto piuttosto forte, che varia anche in base alla provenienza degli animali da cui è munto. 100 ml di latte di capra intero contengono circa 76 calorie, contro le circa 63 del latte vaccino intero.

Il latte di soia

Non è raro trovare soggetti intolleranti al latte animale, specialmente quello vaccino, che in questi causa disturbi come gonfiore addominale, scarsa digeribilità e frequente attività intestinale. Le carenze del latte animale sono in parte colmabili facendo ricorso al latte di soia, ricavato direttamente dalle pianta. Il suo sapore è gradevole, naturalmente dolciastro, è ricco di acqua e di proteine vegetali, lattosio e caseina.

Questo alimento costituisce una valida alternativa al latte vaccino o caprino e viene promosso dai nutrizionisti contro l’arteriosclerosi e per il controllo del colesterolo. Questo perché i grassi animali in esso contenuti sono presenti in quantità minime e sono di origine vegetale. Come per tutti i prodotti a base vegetale, sarebbe bene consumare latte di soia biologico o comunque proveniente da produzioni certificate e controllate; per evitare di entrare in contatto con soia geneticamente modificata. Il latte vegetale, rispetto al latte vaccino, è meno calorico e contiene anche fibre, Vitamina AVitamina EVitamina B e minerali. Tra questi, il Ferro.

Il latte di riso

Di recente è aumentato in modo notevole anche il consumo del latte di riso. Altra bevanda di origine vegetale che può rappresentare un’alternativa al latte vaccino. Rispetto al latte di soia, quello di riso è ancora meno calorico. Non contiene glutine ed è ricco di zuccheri semplici. Possiede un minor contenuto di proteine e grassi, che sono prevalentemente quelli polinsaturi, ma in esso si trovano la vitamina A, B, D, fibre e minerali. È ottimo come bevanda o per la preparazione di dolci. Tra le sue proprietà spiccano la funzione regolatrice dell’intestino, l’alta digeribilità, l’assenza di colesterolo. Ma anche l’apporto immediato di energia perché ricco di Carboidrati.

Latte animale o latte vegetale – Hai deciso quale fa per te?


Noemi Matteucci

 

-> Leggi l’opuscolo del Ministero della Salute sulla differenza tra intolleranza e allergia


Take Home Message

Latte animale o latte vegetale. Oggi oltre al latte di origine animale, indicato soprattutto per bambini ed anziani perché ricco di calcio, vitamine e fosforo, è facile trovare anche alternative vegetali. Indicate per chi soffre di intolleranze (quella al lattosio la più comune) o semplicemente per un desiderio di cambiare. Le alternative di origine vegetale il latte di soia e di riso. Meno calorici del latte di origine animale, più ricchi di fibre e minerali e più facilmente digeribili. Da preferire quelli di origine biologica.

Tempo di lettura: 50”

Ultimo aggiornamento: 28 maggio 2019

Voto medio utenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here